Paolo Bettini ha deciso di lasciare l incarico di commissario tecnico della Nazionale di ciclismo in versione due ruote e due pedali (ma non quelli del freno e dell acceleratore). La Federazione Ciclistica Italiana ha pubblicato un comunicato ufficiale nel quale si solleva dall incarico il Grillo : Milano, 29 dicembre 2013 Il C.T. Paolo Bettini ha chiesto alla Federazione di poter interrompere il suo rapporto con la Nazionale per dedicarsi a un progetto pi articolato con un Club professionistico. A fronte della richiesta, la Federazione lieta di assecondare le aspirazioni del C.T. e lo ringrazia per il lavoro svolto con grande impegno. Il fatto che si sia scelto di utilizzare Paolo Bettini, formato e valorizzato come tecnico all interno del programma federale, in uno dei progetti pi stimolanti per il futuro del ciclismo, l ulteriore conferma che la riforma realizzata in questi anni con il Settore Studi produce professionalit di alto livello, in grado di collocarsi nel settore professionistico e di favorirne la crescita qualitativa. Salutiamo perci con riconoscenza Paolo Bettini e lo ringraziamo per le soddisfazioni che ci ha regalato prima da Atleta e poi da Tecnico nazionale nell affrontare e favorire una fase di transizione generazionale particolarmente delicata. Il suo valore emerso da ultimo nei Mondiali ospitati in Italia, in Toscana, sempre particolarmente ardui per la nostra Nazionale. Non a caso, dopo la vittoria ad Imola, ci sono voluti 40 anni di attesa per ritrovare l iride a Varese. Ci nonostante, la squadra azzurra e Vincenzo Nibali sono stati, al di l del risultato penalizzato dallo sfortuna, protagonisti assoluti. A Bettini e agli altri tecnici l auspicio di mantenere sempre alto il prestigio della scuola italiana .
Related Articles:
moncler bimbo
moncler quincy originale
moncler outlet milano
spaccio moncler trebaseleghe
piumini lunghi moncler
piumini moncler donna

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)