29 giugno 2012

Crisi europea: Dopo la Spagna toccherà all'Italia

La Spagna ha conosciuto oggi una crisi bancaria senza precedenti, che è la conseguenza diretta e indiretta della sua appartenenza all'euro. L'euro ha accelerato il fenomeno della de-industrializzazione dell'economia spagnola, che si è ripiegata verso il settore dei servizi e immobiliare. Le banche hanno ampiamente finanziato il settore immobiliare, fornendo ad esso sia agenti immobiliari e imprenditori, sia famiglie. I professionisti del settore sono stati i primi ad essere toccati dalla crisi, incapaci di vendere le case sia ai turisti, ad eccezione della Spagna - salvo i più ricchi - per i costi interni e il tasso di cambio dell'euro, sia alla popolazione.
Di Jacques Sapir
Marianne2.fr

La dinamica delle costruzioni si è brutalmente invertita. Si è passati dalla costruzione di 1 milione di abitazioni all'anno, alle circa 80.000 di oggi, una divisione per un fattore 12! Da qui l'esplosione della disoccupazione. La rapida contrazione delle costruzioni ha trascinato nella sua caduta l'intera economia, ed ha avuto importanti conseguenze per solvibilità globale del paese.  
Le famiglie colpite dalla crescente disoccupazione che raggiunge il 24,4% della forza lavoro, non potevano far fronte agli interessi dei propri debiti e gli arretrati si sono accumulati. Ciò ha portato ad un tasso d'insolvenza pari all' 8,3% degli attivi bancari.

L'AMERICA E' PRONTA PER LA DITTATURA!

I governi totalitari come le forme persistenti di cancro, aver afferrato la lunga storia dell'uomo, cadendo e poi riemergere dai recessi profondi della nostra biologia culturale con la volonta' di devastare le una generazione sfortunata dietro l'altra. L'assunzione da parte di più è che questi imperi sono il prodotto delle burocrazie andate storte, superato dalla fame caotica esasperante per ricchezza e potere, e di solito manipolato dalle ambizioni singolari di un dittatore ipnotizzante. Per quelli di noi del Movimento Liberty che sono effettivamente istruiti sui dettagli meno riconosciuti della storia, dell'oligarchia e centralismo globalizzato è molto meno casuale di questo, e un processo molto più consapevole e subdolo rispetto al grande pubblico ignora è disposto a prendere in considerazione. Purtroppo, la verità finale è molto complessa, anche per noi. 

Non si può addossare la colpa del dispotismo interamente sulle spalle dei globalisti. Purtroppo, i crimini delle élite sono possibili solo con una certa complicità da sottosezioni della popolazione. Senza la nostra passione per l'apatia e la paura, non ci può essere alcun controllo. Vale a dire, non vi è alcun potere su di noi, ma ciò che noi permettiamo di farci. Abbiamo spianato la strada alle nostre catastrofi personali.
Alla fine, compito primario di un tiranno non è quello di schiacciare le masse e di escluderle, ma le usa per ottenere il consenso volontario dei cittadini, di solito attraverso l'inganno. Senza il permesso del popolo la tirannia non può sopravvivere. 

28 giugno 2012

EVO MORALES - G20: "L’economia verde è il nuovo Colonialismo per sottomettere i Popoli"

I popoli del Sud oggi festeggiano il nuovo anno Andino Amazzonico, festeggiano l’Inti Raimy, in quechua Festa del Sole, l’Inca Cuti, in Aymara il ritorno del padre sole, l'orologio cosmico che ci indica i secoli della Madre Terra. Oggi anche in Bolivia è festa, festeggiamo l’anno nuovo andino amazzonico. Voglio fare gli auguri a tutti i popoli del sud, specialmente al movimento indigeno, ai popoli originari. Vent’anni fa, al Vertice della Terra realizzato qui in Brasile, si poneva una riflessione profonda sulla vita e sull’umanità prendendo in considerazione il nostro pianeta terra. Ricordo il grande messaggio di un uomo saggio, Fidel Castro, presidente e Comandante della Cuba Rivoluzionaria che ci diceva «ammazzate la fame, non l’uomo, pagate il debito ecologico, non il debito estero».
Selvas Blog
Adesso ci rendiamo conto che quest’uomo aveva ragione, quando affermiamo che bisogna condannare il debito del sistema capitalista, giacchè noi Paesi cosiddetti poveri, o in via di sviluppo, sentiamo che il debito dei paesi capitalisti è impagabile.
In questa conferenza è importante fare profonde riflessioni tenendo presenti le generazioni future. Si discute sulla cosiddetta Economia Verde che, secondo il sentimento dei movimenti sociali del mondo, e specialmente del movimento indigeno, è il nuovo colonialismo per sottomettere i nostri popoli e i governi anticapitalisti.
L’ambientalismo dell’economia verde è un nuovo colonialismo con doppia faccia, da una parte è un colonialismo della natura, dato che commercializza le risorse della vita e dall’altro è un colonialismo dei paesi del Sud, che portano sulle loro spalle la responsabilità di proteggere l’ambiente distrutto dall’economia capitalista industriale del Nord.

I QUATTRO PILASTRI DELL'IMPERIALISMO NATO

Con espressione del tutto incongrua, ci si riferisce spesso alle "bugie" del potere, come se si trattasse di birichinate di bambini. In realtà, si tratta non di semplici bugie, ma di frodi. L'aggressione NATO contro la Siria viene spacciata per emergenza umanitaria e, dato che ormai l'emittente del Qatar, Al Jazeera, ha perso ogni credibilità, tocca adesso ad Amnesty International farsi carico di alimentare la propaganda interventista. Viene il sospetto che si sia permesso che venisse prodotto un film come "Diaz", solo perché nella locandina del film Amnesty International potesse ancora accreditarsi come ultimo baluardo dei diritti democratici. [1]
Comidad
Con l'incidente dell'abbattimento del proprio caccia, anche il governo turco ha aggiunto un ulteriore mattone all'edificio fraudolento montato attorno all'aggressione NATO contro la Siria. Ci si potrebbe chiedere quale legittimo interesse nazionale possa accampare Erdogan nel cercare di destabilizzare un Paese vicino con il quale i rapporti sono sempre stati ottimi, persino nel periodo della guerra fredda, quando i due Stati confinanti stavano in schieramenti opposti.
La massoneria militare che ha dominato la Turchia per ottanta anni - nonostante la sua sudditanza all'imperialismo britannico prima, ed all'imperialismo statunitense poi -, non aveva mai manifestato gli atteggiamenti avventuristici che oggi invece esibisce Erdogan.

27 giugno 2012

ISRAELE E’ UN PAESE DA IMITARE?

Il Presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti (PD), con un suo intervento sulla rivista “Shalom” ha comunicato che Israele è un Paese da imitare. In questo spirito, su iniziativa della Provincia di Roma, il 4 e 5 luglio si terranno le “Giornate della creatività e dell’innovazione”, con lo Stato ebraico ospite d’onore.

Perché Israele sarebbe un Paese da imitare? 
Per l’ideologia sionista e l’occupazione della terra palestinese? 
Per la pulizia etnica di Gerusalemme e di ampie parti della Cisgiordania? 
Per l’assedio della Striscia di Gaza? 
Per le migliaia di prigionieri politici, centinaia dei quali detenuti da anni senza accuse e senza processo? 
Per il suo arsenale nucleare militare? 
Per il Muro dell’Apartheid, che ha trasformato città e villaggi palestinesi in altrettante prigioni a cielo aperto? 
Per la sua legislazione teocratica e razzista, che discrimina fra cittadini ebrei e non ebrei? 
Per le decine di Risoluzioni dell’ONU che si è sempre rifiutato di applicare? 
Per le sue innovazioni tecnologiche, come il fosforo bianco? 
Per la strage dei pacifisti della Freedom Flotilla?

Mentre il Presidente Zingaretti vorrebbe imitare Israele, le forze armate del suo modello bombardano Gaza e aggrediscono i pacifisti internazionali, come l’italiana Rosa Schiano, che cercano di alleviare le sofferenze della popolazione civile. Crediamo che anche in politica esista un limite al servilismo, e Zingaretti questo limite lo ha superato. Questa città non merita di essere rappresentata da un simile personaggio.

"Sulla fame non si specula", una campagna su cibo e finanza

Sono venticinquemila le persone che ogni giorno muoiono di fame. Mentre questa strage si rinnova, in tutto il mondo i prezzi dei prodotti alimentari rimangono alti e molto volatili. Che influenza ha la speculazione finanziaria sui generi alimentari? A spiegarcelo è la campagna "Sulla fame non si specula", nata ad aprile del 2011 a Milano da un gruppo di giornalisti, chef, rappresentanti di associazioni, economisti.
Di Valentina Valente

Future, derivati, swap. In tempi di crisi e speculazione finanziaria questi termini sono entrati nel glossario dei media e, indirettamente, nel nostro quotidiano. Ma cosa significano? E che influenza hanno sui generi alimentari? A spiegarcelo è la campagna italiana Sulla fame non si specula, nata ad aprile del 2011 a Milano da un gruppo di giornalisti, chef, rappresentanti di associazioni, economisti.
In occasione delle elezioni amministrative è stato infatti chiesto ai candidati sindaco del capoluogo lombardo di adottare un codice di condotta che impegna l’amministrazione a non investire in titoli derivati legati ai beni alimentari. Milano infatti ospiterà l’Expo 2015, il cui tema è Nutrire il pianeta, energia per la vita, un'occasione unica, dunque, per dare un segnale forte. Il codice di condotta è stato adottato dal Comune di Milano ad ottobre e da giugno 2012 anche la Provincia di Trento ha aderito alla mozione. 

26 giugno 2012

ISLANDA... LA CRISI CONTINUA

Alla vigilia delle elezioni presidenziali in Islanda, il prossimo 30 giugno,  persistono molti degli stessi problemi economici che hanno afflitto il paese negli ultimi tre anni. Nel gennaio 2009, il governo islandese divenne la prima vittima politica della crisi economica globale. 
Di Jason Netek
A crisis continues in Iceland
Islandia… y la crisis continúa

Per quasi 20 anni, il Partito (conservatore) dell'Indipendenza aveva dominato la scena politica e costantemente riorientato l'economia della piccola nazione verso un settore finanziario sempre più deregolamentato. Prima della crisi del 2008, l'Islanda era uno dei paesi più ricchi del mondo grazie al suo settore bancario gonfiato, con debiti pari a 10 volte il prodotto interno lordo.

Nella misura in cui si è sviluppata la crisi nell'autunno del 2008, la valuta nazionale d'Islanda, la corona, è crollata e le tre maggiori banche sono fallite. L'inflazione galoppante e la rapida crescita della disoccupazione ha creato una situazione politicamente insostenibile.

Prima della caduta, mezzo milione di inglesi e olandesi avevano depositi nelle super-deregolamentate banche islandesi. I governi della Gran Bretagna e Paesi Bassi pagarono il conto dei risparmi perduti, e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) costrinse l'Islanda a firmare un accordo in cui s'impegnava a pagare tutti i creditori con gli interessi, in cambio di un prestito per un salvataggio di emergenza.
Leggi tutto...

La banca tedesca beneficiaria del "salvataggio" spagnolo

Una delle cause dell'attuale crisi in Spagna è lo scoppio della bolla immobiliare. Il matrimonio tra il capitale finanziario (banche, casse di risparmio, compagnie di assicurazione ed altri istituti finanziari) e il settore immobiliare ha creato tale bolla. Negli ultimi dieci anni sono state costruite più case nel nostro paese che in tutta la Francia, la Gran Bretagna e la Germania. E nonostante questa enorme costruzione che ha rappresentato quasi il 9% del PIL spagnolo, i prezzi sono saliti del 150%, crescendo molto più velocemente dei salari, e questo come risultato di speculazioni improprie.
Vnavarro.org
Non c'è dubbio che le banche, le casse di risparmio, la Banca di Spagna e le autorità pubbliche, sia spagnole che europee, ne erano a conoscenza. Bastava vedere un grafico in cui si confronta l'evoluzione dei prezzi delle abitazioni e dei salari (la stragrande maggioranza di compratori traggono il loro denaro dal reddito da lavoro) per vedere che i primi sono cresciuti molto più velocemente dei secondi. Si cerca di colmare con il credito la distanza tra i due prezzi. E quindi l'indebitamento delle famiglie è enorme.
Leggi tutto...

25 giugno 2012

PARAGUAY: L'America latina isola i golpisti

Brasile, Argentina, Ecuador, Bolivia, Nicaragua richiamano ambasciatori - Venezuela interrompe invio petrolio - Mercosur sospende Paraguay
Il governo scaturito dal golpe express non è stato riconosciuto da nessun Paese latinoamericano ed affronta un isolamento continentale che si manifesta in varie forme. Nessun governo ha difeso o risparmiato critiche agli autori dell'imboscata parlamentare che ha deposto il presidente Lugo. Brasile, Argentina, Uruguay, Bolivia, Nicaragua, Ecuador e Venezuela hanno richiamato gli ambaciatori o chiuso le rispettive sedi diplomatiche ad Assuncion. Il Mercosur ha sospeso il Paraguay dall'area comune commerciale, vietando la partecipazione al vertice di metà settimana ai golpisti, mentre il Venezuela ha interrotto le forniture petrolifere. Questo lascia capire che la proposta di rivedere gli scambi commerciali avanzata dalla presidente brasiliana Dilma Roussef avrà certamente un seguito.
Selvas Blog

Il blocco regionale sudamericano (UNASUR) è deciso a stroncare sul nascere il ritorno di pratiche antidemocratiche d'un oscuro passato. Il Mercosur, formato dal Brasile, Argentina e Uruguay -uniche frontiere terrestri del Paraguay- ha in mano le carte per mettere all'angolo i senatori golpisti.

21 giugno 2012

ZANZARE DRONI: LE NUOVE NANOTECNOLOGIE MILITARI USA!

E' l'ultimo "giocattolino" dell'esercito americano, già in produzione. Un insetto drone, controllabile a grande distanza e dotato di telecamera, microfono e siringa. Secondo le autorità è in grado di prelevare DNA o iniettare dispositivi RFID di localizzazione nella persona - obiettivo, provocando una sensazione di dolore quasi impercettibile, paragonabile a quello provocato dalla puntura di una normalissima zanzara. 

Ovviamente gli utilizzi a cui potrebbe essere destinato dai servizi segreti sono molteplici: può essere utilizzato come spia, essendo dotato di telecamera e microfono, ma anche come "silenzioso sicario", iniettando nella vittima prescelta, al posto del chip RFID uno dei potentissimi veleni disponibili nel mercato, in grado di provocare arresti cardiaci, facendo pensare a un decesso naturale. La "zanzara drone" può penetrare in una villa sorvegliatissima, eludendo guardiani e sistemi di allarme, passando a fianco degli addetti alla sorveglianza, penetrando attraverso una finestra o una semplice fessura, per poi magari essere "parcheggiata" sopra un armadio fino a quando la vittima non se ne va a dormire,  pungerla e abbandonare l'ambiente senza lasciare traccia e destare sospetti. Le tecnologie militari sono avanzatissime, ed è obbligatorio considerare che la maggioranza di queste sono mantenute segrete.

Ottusità e Mala Fede della sinistra italiana

L’ottusità e mala fede le malattie terminali della sinistra confluita  nel Partito Unico Liberista Italiano
Perché lasciare l’iniziativa alla destra populista  la questione di uscire dell’euro?
Di Ferraioli Domenico
Mi domando e dico oramai è diventato chiaro a tutti che come era stato progettato, congeniato e gestito l’euro non poteva mai funzionare. Per loro fortuna ma nessuno lo ha notato anche il nostro Mortadella Prodi con i suoi compagni di merenda firmatari con lui di un documento (pubblicato su Repubblica e continuato sul corriere della sera) dove hanno riconosciuto che la  debolezza dell’euro era dovuto a loro stessi  nel “Manifesto della demenza europeista” che chiamava a raccolta tutti i sostenitori EUROPEISTI non solo italiani ma anche degli altri paesi della UE per accelerare il processo di unificazione politica europea immaginando di colmare l’handicap del deficit democratico delle istituzioni della UE. per risolvere la crisi dell’Euro.
Sperando in questo modo di spostare la “questione euro” su un altro piano politico quello della creazione di una  federazione degli Stati Uniti d’Europa. Che scimmiottasse quella degli USA.

LA NATO SPONSOR DEL CRIMINE ORGANIZZATO

La missione degli osservatori ONU in Siria è stata sospesa non appena è cominciata a risultare insostenibile la versione occidentale, tutta centrata sui "crimini contro l'umanità del dittatore Assad". Il capo della commissione d'inchiesta è un generale norvegese, Robert Mood, quindi un membro della NATO. Mood non poteva certo rischiare di smentire la propria organizzazione. La sospensione non sarebbe definitiva, e probabilmente per la NATO ora il problema è di guadagnare tempo per fare opera di "persuasione" sugli altri osservatori. [1]
Per gli osservatori ONU si trattava in effetti di scoprire l'acqua calda, cioè quanto risulta già noto dal dicembre scorso, da quando un sito israeliano, Debkafile, ha rivelato con tutti i dettagli che i cosiddetti ribelli siriani sono in realtà dei mercenari dell'emiro del Qatar. [2]
Il Qatar è da anni un Paese coordinato militarmente con la NATO. L'anno scorso, in una sua visita all'emiro, il segretario della NATO Rasmussen ha sottolineato la necessità di rafforzare ulteriormente la cooperazione con il Qatar. Si è visto. [3]
L'emiro del Qatar è lo stesso che si è incontrato con Mario Monti lo scorso aprile. Con gli atteggiamenti da accattone che ormai lo contraddistinguono, Monti ha supplicato l'emiro di intensificare i suoi investimenti in Italia. Nell'intervista rilasciata ad Ezio Mauro ed Eugenio Scalfari qualche giorno fa, Monti ha rivelato un dettaglio piccante di quell'incontro. Alla domanda dello stesso Monti sul perché non investisse maggiormente in Italia, l'emiro avrebbe risposto "Corruption!".

20 giugno 2012

L'EUROPA STA SGRETOLANDO LE SOVRANITA' NAZIONALI

Arriva dall’Economist l’ennesima conferma del grave attentato alla democrazia da parte dell’Europa nei confronti degli Stati membri: Corea del Sud, Costa Rica, Uruguay e Isole Mauritius sono tutti Paesi con un indice democratico maggiore del nostro. Ed il Botswana sta peggio di noi per molto poco. Per la precisione siamo al trentunesimo posto, con un peggioramento di 3 posizioni rispetto al 2010 e con una tendenza negativa consolidata negli ultimi anni.
L’Economist Intelligent Unit è una costola del “The Economist” e fornisce periodicamente una guida alla comprensione degli affari a livello mondiale, con analisi e previsioni sugli orientamenti politici, economici e di mercato di circa duecento nazioni, ed alla cui realizzazione collaborano alcune centinaia di esperti. La quarta edizione del report misura il livello di democrazia di oltre 165 Stati alla data di Dicembre 2011, attraverso l’esame di 5 categorie: processo elettorale e pluralismo, libertà civili, funzionamento del governo politico, partecipazione e cultura politica.
Secondo l’analisi dall’EIU, la crisi economica ha contribuito a mettere in ginocchio i principi democratici soprattutto in Europa, attraverso il declino di alcuni comportamenti dei Governi, della partecipazione politica e della libertà dei media.
Leggi tutto...

E' DA PAGARE IL DEBITO ?

Il debito è ormai una questione centrale nell'agenda politica e sociale. E' nel suo nome che si effettuano privatizzazioni, misure di austerità e, infine, il trasferimento del costo della crisi sulle spalle della maggioranza della popolazione. Bisogna in primo luogo porsi queste domande: chi beneficia del debito? Chi l'ha contratto? A cosa è servito? Chi dovrebbe pagarlo? E' a queste domande che cercano di rispondere coloro che, all'interno del movimento degli Indignati, evidenziano la necessità di un'audit (revisione, N.d.T.) cittadino dei debiti.
Di
Esther Vivas

Nei decenni degli anni '80, '90 e 2000, abbiamo visto l'impatto del debito estero sui popoli del Sud del pianeta, attraverso l'applicazione sistematica di programmi di adeguamento strutturale e di misure di austerità nella spesa sociale che era presentata come "necessaria" per garantire il rimborso.

Dal 2010, con l'esplosione della crisi del debito sovrano, quest'ultimo è diventato un tema centrale anche nei paesi dell'Unione Europea, e in particolare tra quelli della sua periferia, dove si condensano le contraddizioni dell'attuale crisi.
 
Leggi tutto...

19 giugno 2012

La Grecia e il futuro del progetto europeo

L’esperimento economico neoliberista in corso in Grecia costruirà, o manderà in frantumi l’Unione europea, come noi la conosciamo. I Greci continuano ad aderire alle fila dei partiti politici orientati a sinistra, semplicemente alla ricerca di una valida “alternativa” [EPA] Per la sopravvivenza della zona euro e del capitalismo globale in generale, le elezioni del 17 giugno in Grecia costituiranno un ancora più importante punto di riferimento che il voto del 6 maggio. Il risultato elettorale del 6 maggio ha dimostrato che la maggior parte del popolo greco si rifiuta di accettare l’imposizione dello smantellamento delle loro infrastrutture sociali ed economiche, l’impoverimento flagrante di larghi strati della società, l’annientamento del futuro delle prossime generazioni, e la denigrazione di un intero stile di vita.
Di Stathis Gourgouris Στάθης Γουργουρής

Ancora più importante, la società greca ha dimostrato che non accetterà di essere utilizzata come cavia in un esperimento di livello mondiale dell’economia neoliberista.
Come abbiamo sostenuto in un recente articolo nel “The Wall Street Journal”, questo non costituiva solo un esperimento economico. La Cancelliera tedesca Angela Merkel viene citata per avere ammesso che, nell’imporre tali dolorose misure di austerità, la Troika ha scelto di punire la Grecia per impartire una lezione a tutte le altre società europee, che potrebbero prendere in considerazione l’opposizione e la resistenza ai suoi dettami.
Leggi tutto...

18 giugno 2012

BILL & MELINDA GATES FOUNDATION E LA RICERCA PER IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE

Spingere vaccini al mondo intero non è apparentemente l'unico obiettivo del famigerato gruppo Bill & Melinda Gates Foundation, che è riferito ora il finanziamento della ricerca in bracciali  di monitoraggio umano capace di misurare sia le risposte emotive e fisiche a vari stimoli. Secondo il Washington Post (WP), la Fondazione Gates ha già tranquillamente speso più di un milione di dollari di ricerca sui braccialetti biometrici, che potrebbero alterare per sempre il modo in cui gli studenti imparano e gli insegnanti insegnano.
Bill & Melinda Gates Foundation funding research into bracelets that track mental, emotional responses

In una mossa controversa che è stato solo di recente portato alla luce, la Fondazione Gates avrebbe sborsato più di circa mezzo milione di dollari per South Carolina  Clemson University alla fine dello scorso autunno, e  600.000 dollari per il Centro Nazionale per tempo e Learning (NCTL), un gruppo dedicato a migliorare i risultati degli studenti. Entrambi i contributi sono stati destinati a finanziare gli studi del test sull'efficacia dei "risposta galvanica della pelle", dei bracciali, che valutano le risposte fisiologiche di studenti di materiale didattico.

17 giugno 2012

SI E' VOTATO AD ATENE O A BRUXELLES?

Non era mai accaduto dalla fine della guerra fredda, che alla campagna elettorale per il voto all'interno di uno stato sovrano, partecipassero con tanta enfasi tutti i grandi poteri che gestiscono la politica e la finanza globale. Dai leader dei paesi europei ai vertici della BCE e del FMI, passando attraverso le grancasse dei media di tutta Europa. La nuova tornata elettorale, che a distanza di un solo mese dalla precedente ha riportato quasi 10 milioni di greci alle urne, dal momento che l'esito della votazione di maggio non aveva consentito la formazione di un governo che avallasse i diktat della BCE, è stata dipinta nell'immaginario collettivo come una sorta di referendum sull'euro, dal cui esito sarebbe dipeso il futuro della sciagurata moneta che ci accompagna da ormai dieci anni.
Capi di stato (con in testa Angela Merkel), mestieranti politici, banchieri, economisti d'accatto, giornalisti mainstream ed esperti da cortile di ogni risma e colore si sono prodigati senza sosta, nell'appellarsi al senso di responsabilità del popolo greco, affinchè si recasse in massa a votare il sostegno alla UE, all'euro e al piano di austerità che di tale sudditanza é parte integrante.....

« L'€uro è fallito! »

14 giugno 2012

L'Europa centrale e orientale nel «Nuovo Ordine Mondiale»

La globalizzazione e il Nuovo Ordine Mondiale vogliono costruire la propria egemonia attraverso le scuole e le università private 
Di Peter Bachmaier
La globalizzazione in senso moderno è iniziata con la liberalizzazione del commercio mondiale e con l’introduzione del neoliberismo negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Ciò è strettamente correlato al termine “Nuovo Ordine Mondiale”, coniato dal presidente Bush nel settembre 1990 in un messaggio indirizzato al Congresso USA, dopo il crollo del blocco sovietico; e Bush puntualizzava : “Un nuovo ordine mondiale,…guidato dagli Stati Uniti”. Questo è il sistema internazionale che abbiamo tutt’oggi.
Lo sconvolgimento radicale del 1989 con l’aiuto dell’Occidente
Il cambiamento essenziale nel nuovo ordine mondiale è avvenuto con l’espansione dell’Occidente verso l’Europa centrale e orientale, che fino al 1989 erano appartenute all’impero dell’Unione Sovietica, ma a queste regioni Gorbaciov “aveva rinunciato” il 2 dicembre 1989 alla Conferenza di Malta con il presidente Bush, per cui ora questi paesi fanno parte dell’Impero Occidentale.
Il crollo del blocco sovietico e lo sconvolgimento del 1989 erano dovuti alla intrinseca debolezza del sistema, ma anche al “fattore occidentale”, soprattutto all’offensiva degli Stati Uniti sotto l’amministrazione Reagan.
Leggi tutto...

13 giugno 2012

NIGEL FARAGE: "Col salvataggio della Spagna fallisce l'Italia!"



Nigel Farage è intervenuto oggi a Strasburgo, al Parlamento Europeo, per commentare il prestito di 100 miliardi al sistema bancario spagnolo. Il pacchetto prevede che l'Italia contribuisca al 20% e che il prestito venga erogato al 3%. Ma l'Italia, per trovare i soldi da conferire, deve indebitarsi sul mercato al 7%: un vero e proprio colpo di genio, non c'è che dire!

L'ENERGIA RADIANTE DI NIKOLA TESLA...

Nikola Tesla era un GENIO e questo e' un dato di fatto Indiscutibile. Le sue scoperte e le sue invenzioni hanno rivoluzionato l'era moderna. Basti ricordare che e' stato l'inventore della corrente alternata e di centinaia di altre invenzioni brevettate. Una di queste e' l'energia radiante. Molti Lettori leggono su internet varie ricerche di energie alternative, molte volte purtroppo tante di queste sono alla fine sono truffe bene elaborate atte a carpire la buona fede delle persone. Parecchi inventori si sperticano cercando energie alternative, eppure esiste un modo totalmente naturale di estrarre energia elettrica gratuita dall'etere. Si tratta dell'Energia Radiante di Tesla gia' Inventata nel 1901!  
Ci sono schemi e dati, basta un po' di conoscenza di principi di elettrodinamica e di elettronica e tutti noi potremmo costruirci un generatore di energia radiante che potrebbe sostituire in breve tempo le altre energie alternative pulite. Ecco una traduzione in italiano del Brevetto in italiano dell'energia radiante di Tesla. Signori volete dell'energia pulita e a costo zero leggetevi il brevetto e rimboccatevi le mani perche' funziona!
MODO DI UTILIZZARE L' ENERGIA RADIANTE DESCRIZIONE DELL'INVENZIONE brevetto N. 685,958, 6 Novembre 1901 Applicazione registrata il 21 marzo 1901.Numero di serie 52,154 

12 giugno 2012

LA GRECIA CI SALVERA'

Testo dell'intervento del  filosofo sloveno al comizio elettorale di Syriza ad Atene con Alexis Tsipras, presidente del gruppo parlamentare di  SYRIZA/EKM e Kostas Douzinas, professore di filosofia del diritto all'Università Birbeck di Londra.
Al termine della sua vita Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, fece la famosa domanda «che cosa vuole una donna?», ammettendo la perplessità di fronte all'enigma della sessualità femminile. Una simile perplessità sorge oggi: «Che cosa vuole l'Europa?» Questa è la domanda che voi, il popolo greco, state rivolgendo all'Europa. Ma l'Europa non sa quello che vuole. Il modo in cui gli stati europei e i media riportano ciò che sta accadendo oggi in Grecia è, credo, il miglior indicatore di che tipo di Europa vogliono. È l'Europa neoliberale, è l'Europa degli stati isolazionisti. I critici accusano Syriza di essere una minaccia per l'euro, ma Syriza è, al contrario, l'unica possibilità che ha l'Europa. Ma quale minaccia. Voi state dando all'Europa la possibilità di uscire dalla sua inerzia e di trovare una nuova via.

Nelle sue note sulla definizione di cultura, il grande poeta conservatore Thomas Eliot ha sottolineato quei momenti in cui l'unica scelta è tra eresia e il non credere. Vale a dire momenti in cui l'unico modo per mantenere il credo, per mantenere viva la religione, è necessario eseguire una diversione drastica dalla via principale. Questo è ciò che accade oggi con l'Europa.
(foto di Francesco Cascioli http://www.ilpalo.com/) 

11 giugno 2012

BILDERBERG 2012: COSA HANNO DECISO

New York - Durante i tre giorni del meeting di Bilderberg in Virginia, negli Stati Uniti, i banchieri europei, i funzionari del governo americano e i money manager internazionali hanno discusso sulla possibilita' di chiudere le porte in faccia all'approccio improntato alla cautela della Germania e di allargare il credito ai paesi europei piu' indebitati.
ASCOLTA LA RICOSTRUZIONE AUDIO DI DANIEL ESTULIN, ESPERTO DEL BILDERBERG.
Sul piano geopolitico, secondo quanto riportato sul suo blog dallo spagnolo Daniel Estulin, esperto delle riunioni che si tengono ormai da decenni e autore del libro "Il Club Bilderberg", particolari preoccupazioni desta la Russia e il fatto che Vladimir Putin insiste nel voler mantenere "intatto lo stato di sovranita'". 

Un altro problema riguarda la belligeranza del paese in merito a 1) le basi Usa che circondano la Russia e 2) gli impianti di difesa missilistica americana che sono rivolti contro Mosca. La Russia non e' piu' la temuta superpotenza militare di un tempo, ma e' in possesso di armi nucleari e strategiche non indifferenti che potra' utilizzare come deterrente insieme al suo status di potenza energetica. E' arcinoto che la Russia e' una terra ricca di petrolio e gas naturale, materie prime che contano per due terzi delle esportazioni della nazione. 

09 giugno 2012

SOLIDARIETA' ALLA GRECIA CONTRO DEBITO ILLEGITTIMO E MISURE DI AUSTERITA'

Per azioni comuni nei giorni delle elezioni greche, per una forte e larga mobilitazione euro-mediterranea nell’autunno 2012!
La risposta alla crisi economica e finanziaria è la stessa ovunque: taglio delle spese pubbliche e misure di austerità con il pretesto della riduzione del deficit ed il rimborso del debito pubblico, conseguenza diretta delle politiche neoliberiste degli ultimi 20 anni. I governi, al servizio della finanza e del grande capitale europeo, stanno effettivamente utilizzando questo pretesto per ridurre ulteriormente le spese sociali, abbassare i salari e le pensioni, privatizzare i servizi sanitari, smantellare i benefici sociali e il diritto del lavoro, aumentare le tasse della maggioranza proprio mentre si concedono vantaggi sociali e fiscali generalizzati alle grandi imprese e ai grandi azionisti.

Misure violente contro le popolazioni – come quelle sperimentate nel laboratorio sociale greco negli ultimi due anni – sono state prese in Portogallo, Irlanda, Spagna, Italia e nei paesi dell’Europa dell’est.
Leggi tutto...

08 giugno 2012

GERMANIA: Piano in sei punti per lo sfruttamento dei lavoratori in Europa

È ormai prassi comune distruggere i salari e i diritti dei lavoratori, avviando procedure fallimentari. Il caso più noto è quello del colosso usamericano dell’industria automobilistica General Motors, che ha licenziato 30.000 lavoratori, ha dimezzato i salari dei nuovi assunti, e ha tagliato i benefici dei pensionati. Se il governo tedesco seguirà questa via, questa procedura verrà applicata a interi paesi. Secondo un rapporto della rivista Der Spiegel, la cancelleria di Berlino ha elaborato un piano in sei punti per “riforme strutturali” di vasta portata in Grecia e in altri paesi fortemente indebitati dell’Unione Europea.
Di Peter Schwarz
WSWS
Il piano prevede la vendita delle imprese statali, lo smantellamento dei diritti di tutela dell’occupazione, la promozione di settori del lavoro a basso salario, la rimozione dei vincoli sulle imprese, e la creazione di zone ad economia speciale e agenzie di privatizzazione sul modello della tedesca Treuhand.
Il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert non ha confermato il piano, ma nemmeno lo ha negato. Secondo Der Spiegel, il piano costituirà la base per i negoziati al cosiddetto “summit sulla crescita” dell’Unione Europea a fine giugno. Der Spiegel scrive che la cancelliera Angela Merkel accoglierà la richiesta di una politica di crescita dal neoeletto presidente francese François Hollande, “applicando il principio dei combattenti di judo: utilizzare lo slancio dell’avversario per sferrare il proprio attacco”.
Leggi tutto...

Finanzieremo le banche, all’infinito: ecco spiegata la TAV

Svelato il “mistero” della Torino-Lione: il vero motivo per cui si vuole realizzare a tutti i costi la maxi-infrastruttura più inutile d’Europa sarebbe l’incremento illimitato del debito pubblico. I “mandanti” dell’operazione? Le banche, innanzitutto: di fronte a cui passerebbero in secondo piano la potente “casta” politica Pro-Tav, gli interessi di Confindustria e persino le infiltrazioni della mafia, considerata in pole position nell’aggiudicazione “a cascata” degli appalti faraonici. Secondo analisti e critici, chi eredita l’affare del secolo è prima di tutto la finanza, a cui lo Stato dovrebbe ricorrere sia per la costruzione dell’opera, sia poi per il mantenimento. 
Per la sola sicurezza, senza che sia ancora stato impiantato il cantiere, a Chiomonte la “militarizzazione” del sito è già costata 27 milioni di euro: grossomodo, il 10% di quanto sborserebbe l’Unione Europea, per una linea Tav che costerà almeno 20 miliardi. Spesa nominale: perché poi, avverte la Corte dei Conti, il costo potrebbe aumentare anche di otto volte, in vent’anni di cantieri, arrivando alla teorica cifra-mostro di 100 miliardi di euro.
La Torino-Lione resta un’opera strategica, ha ripetuto di recente l’ex banchiere Corrado Passera, ora ministro, come al solito senza fornire spiegazioni e fingendo di ignorare che – proprio in valle di Susa – il recente ampliamento del traforo ferroviario del Fréjus consentirebbe anche di caricare i Tir sui treni, usando la storica linea Torino-Modane come “autostrada ferroviaria”, se solo il traffico merci Italia-Francia non fosse ormai un fantasma del passato. 

06 giugno 2012

IMMINENTE FINE DELL'€URO E DEL DOLLARO?

Gli insider predicono 5 giorni di ferie bancarie in Europa prima della fine dell'Euro, il Renminbi (moneta cinese; ndt) potrebbe sostituire il dollaro USA nel mese di settembre
La resa dei conti finale nella guerra finanziaria in atto appare imminente. Il BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa; ndt) e l'alleanza di 140 nazioni si stanno preparando ad offrire di comprare tutti i dollari statunitensi in contanti e sostituirli con una nuova moneta sostenuta da un paniere di materie prime, compresi i metalli preziosi; secondo molte fonti.
Dopo questo movimento, nessun denaro stampato dal sindacato del crimine americano, la Federal Reserve Board, sarebbe accettato come moneta dal gruppo dei 140 Paesi. Tutto ciò porterebbe alla fine dei giochi la Cabala criminale che ha preso il potere illegalmente negli Stati Uniti.

Prima di questa mossa però, ci saranno cinque giorni di ferie bancarie in Europa, a cui seguirà la fine dell'Euro e la reintroduzione delle vecchie monete nazionali come il Marco e la Dracma; dicono fonti della famiglia Rothschild.

IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

Le giornate stanno continuando ad allungarsi, l'aria si é fatta tiepida e mentre l'estate sta iniziando a fare capolino, sembra giunto il momento di trastullarci con un sommario bilancio di questo primo semestre di governo dei banchieri, partendo dal presupposto che probabilmente nel momento del golpe operato dalla premiata ditta Monti & Napolitano, eravamo stati troppo ottimisti. La pressione fiscale é salita a dismisura, a causa dell'introduzione di una marea di nuove tasse e delle accise sul prezzo dei carburanti. I redditi delle persone meno abbienti  sono quelli che ne hanno risentito di più e si stanno drammaticamente allungando le file alle mense della Caritas, le persone costrette a dormire in macchina e quelle letteralmente buttate sotto ad un ponte da Equitalia.

Ma nonostante l'aumento esponenziale della tassazione, le entrate del governo risultano inferiori di 3,4 miliardi rispetto alle previsioni e resta difficile immaginare che una congrega di contabili e banchieri non avesse previsto che la contrazione dei consumi e delle imprese, determinata proprio dalle nuove tasse, avrebbe provocato un effetto domino di questo tipo. Per fare fronte a questo ammanco di cassa, la soluzione sarà quella d'imporre nuove tasse che ridurranno ulteriormente le entrate dello stato, in un gioco al massacro il cui senso ultimo può essere solo la volontà di portare al fallimento questo disgraziato paese, per poi venderlo a tranci al miglior offerente....

05 giugno 2012

E SE LA GRECIA ESCE DALL'EURO?

MINACCE IN TEMPO DI CRISI
Di Andrea Degl'Innocenti
Sono ore strane e concitate in Grecia. Tese, fitte di contrattazioni, di dubbi, interrogativi. Da un lato le pressioni dell'Europa, che chiede un'immediata ristrutturazione del debito e minaccia l'esclusione dall'euro. Dall'altro il crescente malcontento di una popolazione vessata ogni giorno di più dalla crisi e dalle misure di austerità. Nel mezzo i partiti appena usciti dalle elezioni, che cercano da una manciata di giorni di mettere in piedi un governo che goda di una maggioranza stabile; e lo spettro di nuove elezioni fra un mese che si fa ogni ora più concreto.

Protagonista indiscusso di questi giorni è stato Alexis Tsipras, giovane leader della Coalizione di sinistra radicale Syriza che ha rifiutato ogni forma di accordo e compromesso con gli altri partiti maggiori puntando dritto alle nuove elezioni. Il suo partito è divenuto con l'ultima tornata elettorale il secondo partito del paese grazie al crollo del Pasok, storico partito di centrosinistra reo, agli occhi degli elettori, di ave avallato il piano di salvataggio “lacrime e sangue” proposto dalla troika.

04 giugno 2012

MES: LA FINANZIARIZZAZIONE DELLA DEMOCRAZIA



- Lidia Undiemi su Byoblu.com
Il MES (Esm in inglese) è il Meccanismo di Stabilità Europea. Il cosiddetto fondo salva-stati. Sembra una cosa buona, ma con il MES ci stiamo per indebitare di 125 miliardi di euro. 15 dovremo darli subito, e siccome non li abbiamo, dovremo fare nuovi debiti. Nuovi debiti significa nuovi interessi. Per cosa? Per essere “salvati”, nella malaugurata ipotesi dovessimo fallire. Ma come verremo salvati? Ci daranno semplicemente i soldi, un po’ come farebbe un’assicurazione a fronte del pagamento di un premio, al verificarsi di un sinistro? No, ce li presteranno. Nuovi debiti. Paghiamo 125 miliardi per avere la possibilità di farci prestare dei soldi a interessi elevati. Ve l’hanno mai raccontata così? Anzi: ve l’hanno mai raccontata in un qualsiasi modo?

03 giugno 2012

Perché riconquistare la sovranità

di Stefano D'Andrea Riconquistare la Sovranità
1. Oggi, 2 giugno 2012, nasce il sito dell’Associazione Riconquistare la Sovranità (ARS). La data è stata scelta per l’alto valore simbolico: crediamo fermamente nella Costituzione Repubblicana, soprattutto nel titolo che disciplina i “rapporti economici”, disapplicato da oltre venti anni. La disciplina costituzionale dei rapporti economici è un’ancora di salvezza per tentare di uscire dalle tre crisi che attanagliano l’Italia: la crisi della produzione; la crisi della distribuzione; la crisi culturale e addirittura antropologica.
L’ARS muove dalla convinzione che l’euro sia stato un errore tecnico, oltre che politico: ha impoverito non soltanto i lavoratori dipendenti, bensì anche molte imprese italiane. Si tratta di un’opinione ancora largamente minoritaria, la quale, tuttavia, va diffondendosi, perché la barriera della menzogna, eretta dai media mainstream, è stata forata in più parti dalle avanguardie del popolo italiano e perché la spietatezza dei crudi fatti e le crisi della produzione e della distribuzione della ricchezza hanno oggettivamente suscitato in molti cittadini almeno il dubbio sulla sostenibilità della moneta comune.

Tuttavia, l’ARS sostiene una posizione più avanzata rispetto a quella di coloro che si limitano a constatare il fallimento dell’euro e, quindi, gli squilibri e l’impoverimento che la moneta comune ha generato. L’errore tecnico dell’euro si colloca in un quadro di politiche giuridico-economiche le quali, negli ultimi venticinque anni, hanno spostato ricchezza:

LA PRESSIONE DEL DENARO ELETTRONICO

Oggi e' diventata di moda la parola d'ordine: niente piu' contanti qualsiasi cosa che possa essere sostituito ad esso e' meglio e sicuramente e' piu' semplice e piu' idoneo. Peccato che nessuno si e' chiesto PERCHE'. Il problema della persone che guardano sempre l'effetto ma mai la causa che ha prodotto tale effetto, questo purtroppo avvantaggia l'Elite che serve gli Illuminati. Il motivo e semplice: un sistema che e' gestito da un meccanismo pienamente gestibile da un modello di credito elettronico mette a disposizione al potere e alle Elites una possibilita' unic,a quella di poter controllare definivamente qualsiasi persona sulla faccia della terra tracciando qualsiasi cosa con sistemi elettronici e computerizzati sempre piu' complessi come i gia' esistenti computer quantistici che si nega l'esistenza ma che in realta' in determinati enti governativi sono in funzione da anni secondo il mio modestissimo parere, senza contare che e' un mezzo di ricatto incredibile per la popolazione. 

"Dissidenti politici", persone che sono contrarie al Nuovo Ordine Mondiale (i nuovi psicoterroristi come cominciano a chiamarci) quelli che non vogliono una dittatura mondiale, i microchip e una vita di schiavitu'  possono cosi' finire sotto il loro terrificante e maligno tallone. Pensate se uno di noi un giorno fosse definito uno psicoterrorista e gli venisse bloccato l'account elettronico, se avessimo un sistema mondiale con solo la carta elettronica basterebbe un semplice click e noi non potremmo comprare nemmeno un pacchetto di fazzoletti per pulirci il naso se l'Elite non vuole. L'isolamento economico dei "dissidenti", e' la strategia piu' pericolosa e terrificante che L'Elite e gli Illuminati abbiano mai pensato per la popolazione umana. Non servirebbero piu' scuse: anarchici, al-qaeda, gruppi di estremisti, basta in silenzio premere il bottone del blocco account per decidere la morte sociale ed economica di una persona. Questo e quello che stanno preparando per tutti noi.
Cito un articolo Inquietante pubblicato su IEEE che vi fa capire che razza di propaganda stiano tuttora facendo con questa cosidetta moneta elettronica i miei commenti sono al solito (NdA):

Leggi anche: