16 agosto 2012

LA SERBIA VERSO UN NUOVO SISTEMA BANCARIO. FMI SUL PIEDE DI GUERRA

In Serbia il Governo ha capito: bisogna riformare il sistema bancario dissociandosi dal modello bancario europeo. Si dimette per protesta il governatore della Banca Centrale Serba, Dejan Soskic. Il suo mandato sarebbe scaduto nel 2016. 
La prima vera grande reazione politica a questa dittatura bancaria parte proprio dai Balcani, con la legge serba appena varata che limita fortemente l'indipendenza della Banca Centrale. Una notizia passata in sordina tra le notizie flash che i grandi quotidiani hanno copincollato dalle agenzie di stampa. 
La cosa ancora più preoccupante è che la notizia sarebbe stata totalmente ignorata se il Fondo monetario Internazionale (FMI) non avesse deciso di esprimere pubblicamente la sua contrarietà alla legge varata dal nuovo esecutivo guidato dal premier socialista Ivica Dacic.
Ma la situazione serba ci riguarda da vicino, non solo perché si trova poco distante dal nostro paese, ma anche perché è situata in un polo strategico tra i paesi di confine dell'Europa stessa, non troppo distante dalla Grecia.

Insomma la Serbia è ormai una spina nel fianco per la BCE che potrebbe causare delle fortissime repressioni qualora venisse a compromettere l'intero sistema bancario europeo. Il rischio di contagio è infatti altissimo. Questo partirebbe dalla serbia per giungere poi in Grecia, poi in Italia e in Spagna per poi diffondersi in tutta l'Europa.

E dunque, quali sono le colpe di questo nuovo governo socialista Serbo? La colpa in sostanza è di aver legiferato in modo da limitare il potere della Banca centrale serba a vantaggio del paese e delle ingerenze dell'economia reale. Grazie alla nuova legge approvata questa mattina, il Parlamento serbo, guidato da un governo socialista, supervisionerà tutti i provvedimenti e le azioni della Banca Centrale serba intervenendo quando necessario. La politica monetaria del vecchio governatore della banca centrale serba, il filo-europeista Dejan Soskic, era stata infatti giudicata "troppo restrittiva per il paese".

Si è trattato quindi di un atto di tutela verso il paese stesso che però la stampa ha presentato come un problema per la stabilità bancaria europea e serba, che ha fatto drizzare le orecchie sia alla BCE sia al FMI. Qualcuno insomma, dalla periferia, ha osato sfidare sua maestà: la Banca Centrale Europea.

Fonte: http://www.you-ng.it/

21 commenti:

  1. w la serbia avanti cosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le banche non possono fare miliardi di utili e metterseli in tasca e poi mettere in crisi il mondo quando per guadagnare di più fanno speculazioni che anche il più piccolo contabile non farebbe mai.
      Il guaio ancora più grande è che i governi "foraggiamo" miliardi di euro o di dollari a costo vicino allo zero ai banchieri quando rischiano di fallire... ma non lin fanno tirare fuori dalle tasche gli utili miliardari che si sono presi! VAI AVANTI SERBIA,' PUO DARSI CHE CAMBI VERAMENTE QUALCOSA A NOSTRO FAVORE!

      Elimina
    2. VAI AVANTI SERBIA... LE BANCHE NON POSSONO PRENDERE MILIARDI A COSTO ZERO (O QUASI) DAI CITTADINI E METTERSI MILIARDI DI UTILI IN TASCA E NON TIRARLI FUORI! CONTINUA COSI' SERBIA!!!

      Elimina
  2. Tu guardi il quadro troppo da vicino.

    RispondiElimina
  3. non riesco a trovare informazioni su cosa succede alla banca centrale ungherese.
    sembra che gli ungheresi siano diventati tutti nazisti da quando hanno votato per la banca centrale pubblica e non privata.
    dove posso trovare delle info aggiornate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non trovi notizie è un buon segno...quello che i media non vogliono far sapere in questi casi è sempre a favore dei cittadini, come è successo con l'Islanda nei mesi scorsi...anche lì mai nessuna notizia dall'Islanda!
      A parte questo non so cosa dirti...

      Elimina
  4. GRANDE SERBIA!!!!!!!! FANCULO LA BCE crepate merde!!

    RispondiElimina
  5. la serbia è solo un paese di merda quello che ha fatto non vuol dire niente. ma quando lo capirete che questa crisi non è stata causata dalla bce ma da una politica corrotto interna dell'Italia e adesso ne pagano le conseguenze gli italiani. mentre chi ha causato la crisi rimarrà sempre ricco e in-punito. quando lo capirete che se non cambia la politica e chi lo fa la politica, resteremo sempre nella merda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile "anonimo",
      da quello che scrivi sembra che sia l'Italia il paese di m....
      In 6-7 anni ne ho sentite tante, ma che la crisi "mondiale" (partendo dal fallimento della Leman Brothers...) fosse opera dell'Italia, è sicuramente "originale" come ipotesi...
      ;)

      Elimina
    2. leggi bene, io non ho detto la crisi mondiale, ho detto la crisi dell'italia. ma quale crisi mondiale???? cosa vuol dire mondiale??? non mi pare che tutto il mondo sia in crisi anzi pochi paesi del mondo.
      l'italia non è il paese di m..., è chi la guida.

      Elimina
    3. Gentile Alba kan
      come mai non stai pubblicando le mie risposte? o anche qua si usa censurare cio che non sta bene, e la brutta verita? e meno male che predicate la liberta di informazione come blog....

      Elimina
  6. da aggiungere che le banche hanno le loro responsabilità e il sistema bancario è da cambiare, ma i principali responsabili della crisi sono gli governi e politici corrotti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile anonimo, rispondo nell'ordine ai tuoi ultimi 3 commenti...

      1)E' vero che hai parlato dell'Italia, ma la crisi E' mondiale, qual'è il paese occidentale che non ha problemi con il debito pubblico? (A parte rarissime eccezioni che comunque ce l'hanno ma non a certi livelli)

      2)Non pubblico all'istante i commenti, ma solo quando li vedo...cioè quando sono al pc e leggo la posta o sono nella "gestione" del blog, mi piacerebbe essere 24 ore su 24 a disposizione dei lettori, ma ho anche altre cose da fare nella vita, perciò abbi un pò di pazienza...

      3) nel terzo commento scrivi:
      "le banche hanno le loro responsabilità e il sistema bancario è da cambiare"
      Ma dai?...Lo sai che era proprio questo il tema dell'articolo? La Serbia ci è arrivata!
      Riguardo i governi corrotti...io credo che i governi rispecchiano molto il popolo che "governano", non sono li per grazia divina e per quanto non abbiamo una legge elettorale che ci permette di votare "veramente"...ci sono popoli che si sono ribellati a cose del genere...

      Un caro saluto.
      ...solo un'ultima cosa, io mi stufo abbastanza presto di dicutere con "anonimi"....

      Elimina
    2. alla fine non ti posso dare torto, sul 3 punto sopratutto sono assolutamente d'accordo: i governi rispecchiano il popolo, e non capisco cosa aspettano gli italiani.
      Solo perche tu hai messo Alba kan come nick name non sei anonimo?

      Elimina
    3. Si, anche il mio nome può sembrare "anonimo", ma comunque è noto anche il mio nome vero in rete (Alba Canelli che non è poi così distante) visto che ho scritto qualche articolo con Marco Cedolin, e in Tlaxcala, la rete internazionale di traduttori appare il mio nome e cognome. Ma a parte questo, anche un nick può essere "distintivo" e identificare una persona, se non lo cambia mai (quelli che cambiano nick come la pelle dei serpenti sono peggio deggli anonimi!), io ad esempio ho questo nick dacirca 8 anni, da quando scrivevo nel blog di grillo.
      In rete anche i nick possono identificare una persona.
      Comunque...senza rancore, era solo per avere la sensazione di un rapporto più umano, poi è ovvio che se ti chiami Luca e ti firmi Roberto, nessuno lo saprà mai...

      Un caro saluto e buona serata
      Alba

      Elimina
    4. Anonimo ha centrato il problema! C'è la crisi mondiale, sopratutto bancaria e poi le varie crisi dei vari paesi corotti: Grecia e Italia in primo luogo! Ma cosa vogliamo pensare , che ventennio del mafioso non ci avrebbe lasciato in punto in qui siamo? Finche in Italia regna la mafia, corruzione e ignoranza non c'è ne mai ci sarà nessuna risalita ne crescita! Monti lo sa, lo sapeva sempre e tant'è che non sa da dove iniziare "la crescita"!!! Anche lui parte dalla legge anti initercettazioni! Povero paese....sopratutto per tante persone oneste che ci vivono!

      Elimina
  7. Ma che, dico, SCHERZIAMO, sono le Banche al servizio dei cittadini in un paese democratico, o sono i cittadini da immolare, sacrificare, far sucidare per il "feticcio" Banche !!! e gli avidi Satiri e Demoni divora umani, che le gestiscono e comandano ???!!! Onore al governo Serbo per una mossa coraggiosa a sostegno della libertà e del benessere dei propri cittadini e contro il cravattaggio e lo strangolamento di banche estere sui cittadini Serbi ! Ma Scherziamo i Serbi non hanno il diritto di fare i propri interessi con i propri risparmi e di auto determinarne l'utilizzo in funzione dei propri interessi. Ribadiamo e Sosteniamo il "principio di auto determinazione dei popoli dei relativi risparmi, delle relative istituzioni" !!! e BANDO all'INGERENZA degli AVVOLTOI STRANIERI del MOLOCH GLOBALIZZAZIONE E ONG PERSEGUITANTE LORO BRACCIO ARMATO !!!

    RispondiElimina
  8. "monti non sa da dove iniziare"????????????????non so se ridere o piangere, ma secondo te l'hanno messo li x salvare LITAGLIA ????? albakan chiudi sto forum, magari torneranno su quello di studio aperto

    RispondiElimina
  9. Per tutti : basta cercare bene in internet e si scopre che la Germania della massona Merkel non ha mai abbandonato il marco,la vekkia moneta tedesca, il che sighifica che le regole non sono uguali per tutti i paesi dell'€urozona....arridatece la nostra £ira!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Oggi viviamo in un mondo di sovraesposizione alla disinformazione. Ci vendono come giusto ciò che è sbagliato e deleterio per noi stessi cittadini, di qualsivoglia paese. I poteri forti del mondo economico sovrastano i poteri degli stati e delle nazioni, degli organismi internazionali. Ogni fonte d'informazione è utilizzata a loro discrezione. L'unico mezzo ancora non controllato da loro e quindi più veritiero e variegato è il canale internet appunto. Ma anche qui questi "poteri" nuociono, cercando di inquinare il più possibile le notizie autentche. Pertanto facciamo molta attenzione alle informazioni che leggiamo e che ci arrivano, cerchiamo di essere analitici e di far funzionare il cervello, cerchiamo di allargare le nostre vedute.
    Dopo tale premessa, mi permetto di commentare l'articolo. La Serbia in questo mondo governato dai "poteri forti" è una spina nel fianco (lo è sempre stata), perchè ha sempre trovato il coraggio (a volte cieco bisogna ammetterlo) di decidere autonomamente anche andando contro al benpensare internazionale. Sono stati vittime di raggiri, sopprusi e cospirazioni che ci hanno indotto ad avere la percezione che fosse un paese di barbari violenti, purtroppo non è così. E' semplicemente un popolo che non si spezza e non si piega anche a costo della vita. Tale coraggio risulta molto pericoloso agli occhi dei "poteri forti", in quanto potrebbero creare spiacevoli e pericolosi precedenti, pertanto è sempre stato opportuno distorcere la realtà dei fatti, additando e accusando questa nazione dei più efferati crimini.
    Io auspico un mondo di tante Serbie, come tante Argentine di Kirchner, tanti Thomas Sankara del Burkina Faso, tanti rivoluzionari, tante menti pensanti, dedite al bene comune e non ai soldi.
    Oggigiorno siamo assediati dalla dittatura dei soldi dei potenti della terra, dalle famiglie (è semplice capire quali siano) che detengono le ricchezze, che sono al di sopra dei governi e dell'umanità, e dicidono per noi.
    Io mi sento persa ormai, incredula che tanto degrato e falsa istruzione abbia attanagliato le menti delle persone. Distacchiamoci dalla massa e torniamo a pensare con la nostra testa, senza vergogne.
    Adriana

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)