28 ottobre 2011

Trichet conferma che l'euro è di natura imperiale!

(MoviSol) - Parlando a Francoforte, nel suo ultimo discorso da governatore della Banca Centrale Europea, Jean-Claude Trichet ha fatto risalire l'idea dell'unione monetaria europea all'Impero Romano: "La valuta singola è un'idea antica, che ha radici profonde nella storia. Senza tornare indietro sino all'Impero Romano o all'Impero Carolingio, sei secoli fa Georges Podiebrad, re della Boemia, chiese l'istituzione di una moneta europea comune". 

Trichet ha chiesto un nuovo "salto quantico" nella "governance" europea, che funga da passo intermedio verso l'adozione di un unico Tesoro Europeo e di un singolo bilancio federale: "Come ho già detto, sarebbe troppo pretenzioso, in questa Unione Economica e Monetaria futura… prevedere anche un ramo di potere esecutivo? 

27 ottobre 2011

STORIA E PROPAGANDA DELLE LIBERALIZZAZIONI IN ITALIA

Recentemente il ministro Tremonti ha presentato il suo piano per salvare l'Italia dal debito, principalmente, svendendo i beni pubblici. Questa ricetta apparentemente innovativa ha in realtà origine ben precise che tenterò di spiegare, facendo menzione di alcuni eventi internazionali che influirono sull'economia italiana.
Di Massimiliano Moresco
http://capitanessuno.blogspot.com/

Lo sviluppo dell'economia dopo la Seconda guerra mondiale
Nel 1944 i potenti della terra si riunirono nella cittadina americana di Bretton Woods per istituire e regolare il mercato e per evitare il disastro della grande depressione del '29.
Gli accordi prevedevano l’istituzione del dollaro come moneta di riferimento (a scapito della sterlina) e la sua convertibilità con l'oro, in modo che fosse garantita da un bene materiale universalmente riconosciuto. Ovviamente tutte le altre valute nazionali dovevano adeguarsi a questo parametro di riferimento. Suddetto sistema dava la possibilità di regolare la convertibilità delle singole valute nazionali con un sistema di cambio che non permettesse grandi oscillazioni. Ciò consentì alle economie più deboli di emergere e in l'Italia si assistette, com'è noto, al grande boom economico.

26 ottobre 2011

La crisi del debito pubblico in Grecia

Ogni storia ha bisogno di una narrazione, di una spiegazione del perché le cose sono accadute in quel modo. In questo racconto si trovano le risposte di come evitare / correggere simili situazioni in futuro, e di come diffondere le idee di sviluppi positivi.                                 
Di Marica Frangakis
Introduzione
Ogni storia ha bisogno di una narrazione, di una spiegazione del perché le cose sono accadute in quel modo. In questo racconto si trovano le risposte di come evitare / correggere simili situazioni in futuro, e di come diffondere le idee di sviluppi positivi.
Comprensibilmente, ci possono essere narrazioni differenti per ogni particolare evento, a seconda del proprio punto di vista, sulla base di interessi individuali, del proprio gruppo di appartenenza o di classe, e a partire dalle informazioni disponibili, ecc.
La narrazione della crisi del debito pubblico greco deve essere scomposta su piani diversi: quello nazionale, date le caratteristiche particolari del capitalismo greco; quello europeo, sulla base ristretta dell’integrazione europea e dell’unione monetaria; quello globale, visto il ruolo dominante del sistema della finanza, che fa ricadere la sua parte di responsabilità per la crisi sui contribuenti ordinari.
Andremo ad analizzare ognuno di questi livelli nella prima parte di questa nostra presentazione. 
Leggi tutto....

25 ottobre 2011

DENTI DEVITALIZZATI: TOSSICITA' E CORRELAZIONE CON I TUMORI


Perché il dente devitalizzato diventa una fonte di tossicità importante tale che alcuni tumori erano proprio determinati da quello?
Fino a 20 anni fa alla professione odontoiatrica piaceva pensare il dente devitalizzato fosse una situazione completamente sotto controllo. Che fosse una mummificazione del dente morto completamente riuscita, che non provocasse il seppur minimo rilascio tossico nell’organismo.
Di Lorenzo Acerra
http://www.medicinenon.it/

Ma ora tre tipi di analisi cliniche hanno smentito ciò. Per prima cosa, tutti i denti devitalizzati risultano infetti da potenti batteri anaerobici, al cui confronto le tossine del tetano o del botulismo sembrano pargoletti innocui. Per seconda cosa, il prof. Boyd Haley ha misurato il rilascio cronico nell’organismo di basse dosi di tossine del metabolismo dei batteri presenti nei denti devitalizzati.
Per terza cosa, il Prof. Jerry Bouquot ha dimostrato con l’analisi sonografica applicata alla mandibola (“Cavitat”) che il 100% dei denti devitalizzati accumula negli anni sull’osso adiacente livelli crescenti di metaboliti dell’infiammazione che portano ad osteonecrosi ed infezioni ossee gradualmente progressive (cavitazioni ossee).

IL SUCCESSO DELLE MONETE ALTERNATIVE IN ARGENTINA

Ripropongo un articolo del febbraio 2005 sulla paralisi sociale generata dal FMI in Argentina - Imperava la legge del "ti presto 1, ti ho rimborsato 2, mi devi ancora 3" - Ogni similitudine con il presente é del tutto involontario -
Tito Pulsinelli
Selvasblog
Nel gergo dell'usura internazionale questo é un "default". Nella vita quotidiana della gente comune, questa parola si traduce così: disoccupazione galoppante, collasso del sistema produttivo e commerciale, assoluta mancanza di soldi in circolazione. Le cronache ci hanno portato le notizie delle proteste popolari massive e ripetute contro il congelamento dei conti bancari, i blocchi stradali effettuati dai piqueteros, l'autorganizzazione degli espulsi dalla produzione che rieditano forme associative di mutuo appoggio per garantirsi diritti vitali. I modi in cui le vittime della logica ferrea della macroeconomia neoliberista si organizzano per far fronte alla situazione, includono anche gli acquisti comunitari. Liste di famiglie centralizzano i loro acquisti, e con un camion vanno direttamente alla fabbrica, per ridurre i costi ed ottenere prezzi da grossisti.

24 ottobre 2011

ISLANDA: STATO D'ECCEZIONE?

“Sovrano è chi decide lo stato di eccezione”, scrive Carl Schmitt. Applicando tale enunciato all’isolato caso islandese emerge che il governo di Reykjavik è titolare di reale sovranità, specialmente in relazione alla ricetta adottata per superare il totale dissesto finanziario che aveva provocato il fallimento nazionale del 2008.
Eurasia-Rivista.org 
Durante i periodi di crisi “la normatività – afferma Schmitt – è impotente” e dal momento che nel caso specifico tale “normatività” è eminentemente rappresentata dal Fondo Monetario Internazionale essa è stata sospesa dal governo islandese, che ha abbandonato la tutela dei creditori esteri – inesaustamente raccomandata dal Fondo – per il bene della comunità islandese.
Qualcosa di affine era accaduto durante la Repubblica di Weimar, quando il popolo tedesco richiese l’apertura di uno stato d’eccezione che soppiantasse un ordinamento giuridico finalizzato esclusivamente ad arricchire le grandi oligarchie finanziarie e ad alimentare un circuito falsato di corruzione funzionale al mantenimento di alcuni privilegi di determinati strati sociali a scapito della comunità.

Resoconto sull’Assemblea di Chianciano – l’Ordine del giorno conclusivo

Di Stefano D'Andrea
AppelloAlPopolo
L'assemblea di Chianciano del 22 e 23 ottobre ha riscosso un grande successo. Intanto, hanno partecipato circa 150 persone. Un numero non irrilevante, se consideriamo che l'Assemblea era stata copromossa da Rivoluzione Democratica, per mezzo del sito Sollevazione, nonché dal nostro sito. E' stato un tentativo di "uscire dal web" che ha avuto senza dubbio successo.

In secondo luogo, le relazioni sono state di alto livello, chiare e interessanti. I presenti, venuti da molte città d'Italia – tra gli altri, ho conosciuto persone provenienti da Milano, Roma, Torino, Modena, Piacenza, Tarquinia, Frosinone, Foligno, Perugia,  da diverse cittadine della Toscana, dal Salento, da Napoli, da Palermo - erano tutti entusiasti delle relazioni e persuasi di aver imparato qualche cosa. Insomma l'Assemblea è stata un'assemblea-convegno e come convegno è pienamente riuscita.

21 ottobre 2011

Una riedizione della Legge Reale e della “strategia della tensione”

Il 15 ottobre, a Roma abbiamo assistito ad un copione trito e ritrito: è la “strategia della tensione” e vi ricorre ancora una volta chi teme e cerca di criminalizzare le proteste e le rivendicazioni popolari. Il trucco non funziona più e non servirà ad arrestare l’azione spontanea delle masse e le istanze di protagonismo politico provenienti dal basso. 

Sul piano storico e politico le violenze di piazza servono solo a chi ha interesse a tacitare le ragioni che guidano le manifestazioni e le iniziative di un movimento spontaneo, in questo caso le istanze anti-capitaliste e l’indignazione contro la violenza istituzionalizzata insita nella crisi e nel sistema che l’ha generata. Non è un caso se personaggi come Di Pietro e il ministro Maroni cavalchino l’onda emotiva e il clima d’allarme che si è creato dopo il 15 ottobre, per invocare con forza il ripristino della legge Reale, che risale al 1975, una legislazione varata nel pieno degli “anni di piombo”.

20 ottobre 2011

IL SEMPITERNO SPETTACOLO DELLA VIOLENZA ATTO II - I giovani e…un vecchio -

Vorrei consigliare caldamente la lettura di un breve quanto ottimo e interessante libro – inchiesta del giornalista e documentarista Franco Fracassi sugli interrogativi relativi alle violenze e agli scontri del G8 genovese di dieci anni fa. Unico nel suo genere, “G8 gate – 10 anni di inchiesta del G8 di Genova” (Alphine Studio, 2011) ha affrontato direttamente la questione del Black Bloc e dei loro manovratori, senza limitarsi ad angusta visione provinciale e attinente alla sola ed esclusiva politica italiana, ma, al contrario, adottando una prospettiva più ampia, internazionale e globale. 
Di HS
Secondo Fracassi, in quelle torrenti giornate di luglio era in gioco il futuro del pianeta e si opponevano due visioni opposte e quasi inconciliabili sulla globalizzazione e i suoi risvolti. Da un lato coloro che, dietro il potere e l’influenza dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale e della Federal Reserve, stavano imponendo la globalizzazione neoliberista dei cosiddetti “mercati” con incalcolabili danni dal punto di vista economico, politico, culturale e ambientale, dall’altro la variegata schiera di organizzazioni ed associazioni, etichettate forse frettolosamente come “no global”, che cercavano di avanzare le ragioni di “un altro mondo possibile”. 

AGLI INDIGNATI NON FAR SAPERE QUANTO LA NATO AMA IL BANCHIERE

Altro che bombe al fosforo ed uranio impoverito. Il 15 ottobre scorso i telespettatori hanno scoperto che la vera arma di distruzione di massa è il sampietrino e che, mentre i bombardamenti che da otto mesi l'aviazione italiana infligge alla Libia sono "interventi umanitari", a Piazza San Giovanni invece c'era una "guerra".
Comidad
Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha dimostrato di possedere lo stesso senso delle proporzioni, poiché si è messo a strepitare di una capitale messa a ferro e fuoco dai manifestanti e di "due milioni di danni". Un bel pretesto per negare alla FIOM la sua manifestazione che era prevista per domani.
Alemanno se la prende tanto per due milioni di danni per ora molto, ma molto, presunti; ma è strano che quando i danni accertati per il Comune di Roma ammontavano addirittura a tre miliardi e duecento milioni di euro, il sindaco non solo non ha strepitato, ma ha avvolto tutto in una nube di silenzio. I tre miliardi e duecento in oggetto riguardano l'esposizione del Comune di Roma nella truffa dei titoli derivati, che ha coinvolto, in misura minore, anche altri Comuni, come quello di Milano, che ha un'esposizione di un miliardo e settecento milioni di euro.[1]

19 ottobre 2011

PALESTINA: Liberi, ma non tutti. Visto dalla gente.

Grande gioia a Gaza per la liberazione di 447 prigionieri palestinesi, manifestazione di massa in piazza Qatiba ed opinioni contrastanti. Intanto lo sciopero della fame si arresta per 3 giorni dopo i colloqui di ieri, che hanno portato alla fine del confinamento ma non alla soddisfazione certa di tutte le richieste.
Silvia Todeschini da Gaza
Da questa mattina piazza Qatiba, in centro a Gaza city, è stata attrezzata per l'arrivo di decine di migliaia di persone. È stato posto un grande banner, con alcuni attivisti delle brigate al-qassam intenti a rapire un soldato israeliano, ed una scritta “in solidarietà con i prigionieri”. Tante bandiere, inizialmente verdi e palestinesi, ma poi, quando verso le 11 la piazza ha cominciato a riempirsi, anche gialle, rosse e nere. È stato allestito un grande palco, con un centinaio di posti a sedere, riservati ai prigionieri che tornavano in palestina, in cambio del rilascio del soldato Gilad Shalid. Tutta Gaza si preparava al loro arrivo, c'era chi era più entusiasta e chi meno, chi poteva riabbracciare parenti e amici dopo tanto tempo e chi voleva solo partecipare alla festa.

18 ottobre 2011

ITALIA: L'ARROSTO E IL FUMO DEI FUOCHI FATUI

Chi non è più rappresentato viene concentrato  nel campo della “antipolitica” – Rifinanziare le banche o nazionalizzarle? – Inutilità di confondere banca e succursali
Tito Pulsinelli
Draghi, per la prima volta in luogo publico, tralascia la neolingua “finanziese” e passa disinvolto al gergo maccheronico del politichese. Entrambe lingue morte come l’aramaico. Che cosa spinge questo templare di Goldman Sach's ad avventurarsi su un terreno esterno alle sue abituali competenze? Ha parlato da capo dell’autentico governo de facto europeo e come boss del fatiscente governo nazionale.  Con il cinismo comune a coloro che si autodefiniscono come “la politica”. “I mercati” e “la politica”, affratellati, finalmente parlano con una sola bocca. E chi non si sente più rappresentato, o è terrorizzato da poteri ostili  ed illegittimi che agiscono nella penombra, viene ora concentrato  nel campo della “antipolitica”. 

17 ottobre 2011

IL SEMPITERNO SPETTACOLO DELLA VIOLENZA

Mi auguro che ci sia modo e tempo per investigare e approfondire su quanto è accaduto a Roma il sabato 15 ottobre in occasione di una manifestazione che doveva essere partecipata e numerosa. Nel frattempo alcune riflessioni si impongono alla luce di dati e fatti incontrovertibili e incontestabili.  
Di HS

Quello che è andato in onda è stato sotto molti aspetti un film già visto, con un copione ripreso e aggiornato. Anzi gli scontri, le violenze e le devastazioni di Roma costituiscono un remake della messinscena allestita fuori dalla zona rossa del vertice del G8 di Genova del luglio del 2001. Un successo planetario che attendeva un seguito molto atteso da più parti. E l’esito, il finale del copione potrebbe essere lo stesso: dieci anni fa il promettente movimento dalle mille anime contro i danni causati dal neoliberismo e dalla globalizzazione promossa dalle corporations e dalle multinazionali dovette eclissarsi a causa del dibattito sulla necessità o meno della nonviolenza, polverizzato in mille rivoli ormai improduttivi dal punto di vista teorico e pratico, mentre oggi l’ondata dell’indignazione contro la disastrosa finanziarizzazione dell’economia potrebbe naufragare con rapidità ancora maggiore, quantomeno da noi, in Italia.

"DALL'11 SETTEMBRE ALL'AGGRESSIONE ALLA LIBIA"

Incontro a Bologna, sabato 22 ottobre‏ Dall'11 settembre all'aggressione alla Libia: un decennio di devastazioni criminali del mondo    Giornata di discussione a Bologna, sabato 22 ottobre dalle 9 alle 19.30 presso il Centro Giorgio Costa, via Azzo Gardino 48, zona Porta Lame, vicino al Cinema Lumière
I nostri ospiti e interlocutori

Judy Wood, statunitense, già professoressa di ingegneria meccanica e scienza dei materiali all'università di Clemson (Carolina del Sud), è autrice del libro Where did the towers go?. Da diversi anni i suoi studi basati sulle evidenze e la sua voce fuori dal coro gettano una luce differente  sugli eventi dell'11 settembre, in particolare sulle modalità con cui sono state dissolte in aria le torri e altri edifici del WTC di New York.

Andrew Johnson, dal 2004 critico della mitologia ufficiale sull'11 settembre e membro della prima ora degli Scholars for 911 Truth, insegna presso la Open University dello Yorkshire, in Inghilterra, ed è autore del libro 911. Finding the Truth.

16 ottobre 2011

Diario dalla tenda numero 5 (con foto)

Ieri sera, giusto prima di tronare a casa, mi hanno fermato alcuni degli anziani alla tenda. Volevano sapere cosa ne pesassi di un certo fatto: mi hanno spiegato che la richiesta principale dei prigionieri -quella che riguardava la pratica dell'isolamento- era stata “quasi” del tutto accolta, che però lo sciopero continuava fino a che non fosse stata completamente soddisfatta. 
Silvia Todeschini da Gaza
Libera Palestina

Ma è il significato di questo “quasi” che mi ha fatto percepire cosa significhi “unità”. Dovete sapere che nelle carceri hanno aderito ufficialmente allo sciopero tutti i partiti tranne Hamas e Fatah, e che qui alla tenda c'è qualche rappresentante di Fatah ma nessuno di Hamas. Ebbene, la proposta dei sionisti ai leader della protesta in carcere era quella di togliere dall'isolamento tutti i prigionieri tranne 3 facenti parte delle brigate al qassam, il braccio armato di Hamas.

Le ragioni di un’Assemblea – il programma definitivo

Fuori dall'euro! Fuori dal debito! – Assemblea Nazionale di Chianciano del 22 e 23 ottobre
di Stefano D’Andrea
Invito tutti i naviganti della rete che si imbatteranno in questo testo e in particolare tutti i lettori di Appello al Popolo - sia coloro che conosco personalmente, sia coloro che, con maggiore o minore frequenza, dialogano tramite i commenti, sia coloro che ci leggono in silenzio – a partecipare all'Assemblea Nazionale che si terrà il 22 e 23 ottobre a Chianciano Terme e dedicata al tema “Fuori dall’euro! Fuori dal debito!”. Chi non può pernottare è invitato a venire almeno un giorno, preferibilmente il sabato.

Spiego brevemente le ragioni e gli obiettivi dell'assemblea.

Mi sembra indubitabile che il cosiddetto "rifiuto del debito" non sia di per sé un programma. Non esprime i principi nuovi che dovrebbero disciplinare i rapporti economici.

14 ottobre 2011

THOMAS SANKARA: UN ESEMPIO PER TUTTI

15 OTTOBRE GIORNATA DI MOBILITAZIONE MONDIALE DEGLI INDIGNATI
“NO ES UNA CRISIS, ES UNA ESTAFA !“ NON È UNA CRISI, È UNA TRUFFA! Un gruppo di circa 100 pacifisti indignati in maggioranza spagnoli ma anche russi, americani, francesi tedeschi, greci, resistenti del movimento spagnolo del 15Maggio di Porta de Sol, da più settimane sono in marcia per raggiungere Bruxelles passando da Parigi il 17 settembre per un Forum di tre giorni [1]].
Partiti da Madrid, Barcellona e Tolosa, sperano di arrivare a Bruxelles il 15 ottobre dove si svolgerà una grande manifestazione mondiale davanti al Parlamento europeo. E’ là che si incontreranno le diverse squadre di marciatori indignati venuti da diversi paesi d’Europa.
Pacificamente manifesteranno per protestare contro la precarietà, il carovita ma anche per «il vivere liberi».

L'ISLANDA SI LIBERA DAL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

L'Islanda è fuori dal Fondo monetario internazionale.
La Nazione-isola del Nord Europa si sta riprendendo dalla crisi economica indotta dal monetarismo usuraio internazionale e lo sta facendo in modo del tutto opposto a quello che viene generalmente propagandato come inevitabile. Niente salvataggi da parte di Bce, Fmi o Banca Mondiale, niente cessione della propria sovranità a nazioni straniere, ma piuttosto un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione, e un coinvolgimento dell’opinione pubblica nazionale tra le più alte d’Occidente.
Rinascita

Anzi, dopo circa tre anni di aut aut rigettati dal popolo islandese attraverso un referendum e una Assemblea Costituente, il Fondo Monetario Internazionale e l’Islanda hanno preso strade diverse.
In tempi di presunti salvataggi nazionali portati avanti con ricette neoliberiste, di annullamenti di sovranità monetarie nazionali e di politiche di tagli violenti alle strutture amministrative, sociali ed economiche dei singoli Stati, lo stato islandese ha deciso di proseguire fermamente nella strada intrapresa oltre un anno fa, attraverso un imponente consenso dell’opinione pubblica nazionale, generalmente formata ed informata su temi così delicati e importanti.

13 ottobre 2011

URGENTE DA GAZA

Pubblico l'ultima mail (12/10/2011) di Silvia Todeschini, che come sapete si è unita allo sciopero della fame in atto a Gaza in solidarietà dei prigionieri nelle carceri, che vivono in condizioni dicumane.

"Questo ve lo mando come urgente, perchè sono successe cose che bisogna raccontare in fretta. Tre persone, tra chi fa lo sciopero della fame qui a Gaza in solidarietà con i prigionieri, in questo momento si trovano in ospedale".
Silvia Todeschini

Appena sono arrivata alla tenda questa mattina, c'era Majed el Ajar che dormiva (già vi ho parlato di lui, è quello che, felicissimo per avere il supporto di suo padre, gli ha baciato la mano e portata alla fronte in segno di rispetto). Strano dormisse di mattina, do solito è sempre molto attivo! Ho pensato che potesse stare male, ma non mi sono preoccupata perchè era comunque circondato da tante persone che si prendevano cura di lui. Sono entrata nell'atrio della croce rossa, luogo più protetto dove ci sono più donne, ed ho visto alcuni compagni che portavano al riparo Nidal Abujazer. Già vi ho raccontato di lui, suo fratello è in carcere e lui si prende cura della nipote la cui madre è morta, ricordate?

LA NATO CHIAMA GOLDMAN SACHS AD INSEGNARE LA DEMOCRAZIA AGLI AFGANI E AI LIBICI

Il 7 ottobre scorso vi è stata la ricorrenza dei dieci anni dell'intervento della NATO in Afghanistan, un'occasione per mettere in piedi uno dei consueti rituali propagandistici di finta autocritica che cercano di far credere che esista una coscienza inquieta dell'Occidente che si confronta con i propri errori e le proprie manchevolezze. Certo, se si valutano questi dieci anni in base agli scopi dichiarati dell'intervento, allora la missione può essere considerata un fallimento; ma se si considera l'Afghanistan in termini di modello coloniale, in effetti il successo non può essere negato. Se infatti l'Afghanistan non avesse prodotto qualche risultato dal punto di vista degli interessi coloniali delle multinazionali, non vi sarebbe stata nel marzo scorso l'aggressione della NATO alla Libia per cercare di imporre quel modello anche lì.
COMIDAD
L'irriducibilità della resistenza afgana e l'elevato numero di perdite da parte della NATO costituiscono a propria volta un fatto, ma va anche considerato che la guerra "legale" in Afghanistan consente al Pentagono di attribuire al fronte afgano i caduti su tutti i fronti illegali in cui le truppe statunitensi sono impegnate, compresi l'Iraq, la Somalia ed il Pakistan.

12 ottobre 2011

IL VERO PROGRAMMA DI HUMALA

Iniziamo una serie di interviste su Humala, questo nazista pericoloso, ben legato e controllato dalla sinarchia internazionale. Quelli che vedono in Humala, un membro in più del socialismo sudamericano, dovranno rivedere molte posizioni dopo la lettura di quest’articolo.
Come ben dice il ricercatore peruviano Luis Ernesto Vasquez, “il movimento etnonazionalista degli Humala è un’operazione dell’intelligence che, dalla sua origine, fu guidata e controllata dalle reti sinarchiche francesi e spagnole”.
A livello personale, il mio disprezzo verso questo degenerato di Vargas Llosa è ben noto. Invito i lettori interessati ad approfondire i vincoli di Vargas Llosa con il potere e le società private e i loro pervertiti soci.
Buona lettura a tutti. 

Che coca unisce Vargas Llosa e Humala?
Di Luis Ernesto Vasquez Medina

La spiegazione che sono il fegato e il suo ego ferito - forse uno dei più grandi Ego del mondo - (1) quelli che hanno portato a Vargas Llosa a diventare un militante etnonazionalista e un portavoce humalista, è molto semplice e nasconde quello che in realtà si sta giocando nelle elezioni peruviane.

11 ottobre 2011

Diario dalla tenda numero 2

Qualche buona notizia: in italia sono stati organizzati almeno 2 sit-in, uno a Milano per il 22 pomeriggio, dalle 17 alle 18.30 in piazza dei Mercanti, ed uno a Roma, il 14 Ottobre dalle 15 davanti all'ambasciata israeliana. So che altri stanno organizzando altri sit-in però non ho ancora ricevuto conferme. Poi, oltre ad Enzo ed Elena, anche Serena (tutti di Udine) sta portando avanti lo sciopero della fame. Intanto, anche nei territori del '48 e precisamente ad Haifa, 8 attivisti pro-palestina sono in sciopero della fame da sabato. 

Poi un paio di novità poco carine: oggi ci sono stati i colloqui tra i rappresentanti dei prigionieri e le autorità cercerarie che si sono risolti in un nulla di fatto. I carcerati minacciano nei prossimi giorni di eliminare anche l'acqua e il sale se le loro richieste rimanessero inascoltate, speriamo non accada. Le condizioni dei Ahmad Sa'adat, leader del PFLP in carcere ed in isolamento da diversi anni e che ha aderito allo sciopero della fame si sono piuttosto deteriorate: secondo avvocati che sono riusciti a visitarlo l'eliminazione del sale da parte delle autorità carcerarie gli provoca vomito, il proseguire dello sciopero che ha iniziato 12 giorni fa potrebbe portare alla perdita del 25% del suo peso, ed ha serie difficoltà di concentrazione. Addameer ha lanciato un appello per il suo trasferimento in carcere, e chiede di mandare lettere o telefonare al servizio delle prigioni israeliano o alla croce rossa.

08 ottobre 2011

Sciopero della fame di chi sta fuori dal carcere in solidarietà con i palestinesi nelle carceri israeliane

Silvia Todeschini da Gaza, ci ha informati che da ieri sera, 7 ottobre si è unita allo sciopero della fame in solidarietà con i prigionieri, nell'iniziativa promossa da Addameer
«Durante le "indagini" mi facevano stare voltato contro il muro con le mani legate ed una gamba alzata. Se appoggiavo la gamba mi picchiavano. Oppure mi sedevano su una sedia con le mani legate dietro e i piedi legati in maniera da farmi tenere le gambe divericate, poi mi davano calci sulla pancia e sull'inguine. Mi facevano stare tutto il giorno sotto il sole. Se avevo sete una soldatessa versava l'acqua a pochi centimetri dal mio volto in modo che cadesse per terra. Sono stato 30 giorni in isolamento in una stanza di un metro per un metro. Le "indagini" sono durate 70 giorni. Avevo 16 anni»
(Saber, Beit Hannoun)

I prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane vengono sottoposti a tortura, ci sono prigionieri minorenni, vengono imprigionati in detenzione amministrativa senza nessuna accusa. Ai prigionieri provenienti da Gaza è proibito vedere le proprie famiglie, come forma di punizione collettiva conseguente all'imprigionamento dl soldato Gilad Shalid. Il fatto che vengano imprigionati in prigioni situate nei territori del '48 e non a Gaza o nella Cisgiordania è contrario alla legislazione internazionale.

06 ottobre 2011

11 ragioni per le quali i manifestanti di Occupy Wall Street sono ipocriti se non chiedono a Barack Obama di dimettersi

Se i manifestanti di Occupy Wall Street credessero veramente nelle cose che stanno proclamando, allora chiederebbero le dimissioni immediate di Barack Obama e del suo gabinetto. La verità è che l'amministrazione Obama è responsabile della maggior parte delle cose che Occupy Wall Street presumibilmente lamenta. Se  i manifestanti di Occupy Wall Street fossero intellettualmente onesti, dovremmo vedere una marea di cartelli anti-Obama durante queste manifestazioni. Ma invece abbiamo sentito solo un pigolio di critica contro Obama. 

In effetti, la stragrande maggioranza dei manifestanti sembrano molto entusiasti di inviare di nuovo Obama alla Casa Bianca nel 2012. Come sarà dimostrato chiaramente nel resto di questo articolo, questo rende i manifestanti di Occupy Wall Street dei tremendi ipocriti. Se Occupy Wall Street vuole avere credibilità, deve chiedere a Barack Obama di dimettersi. O i manifestanti di Occupy Wall Street  chiedono a Barack Obama di dar conto della sua attività, o sono solo un branco di pecore. Non possono farci la predica su come loro siano di principio  e poi chiudere un occhio su tutto ciò che Barack Obama ha fatto negli ultimi 3 anni.

05 ottobre 2011

Crisi dell’euro: le grandi potenze pianificano un nuovo piano di salvataggio bancario

Con le grandi potenze che barcollano di nuovo verso la recessione, i governi di entrambe le parti dell’Atlantico stanno pianificando un nuovo salvataggio bancario. Ci sono divergenze significative sul modo di organizzare un tale piano, ma c’è un accordo generale sul fatto che centinaia di miliardi di altri soldi pubblici debbano essere rilasciati per coprire le perdite delle banche legate ad un défault del debito sovrano della Grecia.
Di Stefan Steinberg
Come era successo tre anni fa dopo il crac di Wall Street – ma su scala ancora più ampia, questa volta - la ricchezza dell’élite finanziaria le cui attività speculative hanno innescato la crisi mondiale, sarà salvaguardata dal saccheggio del tesoro pubblico. Ciò sarà fatto anche se i governi intensificheranno i loro attacchi contro la classe operaia nel nome del “consolidamento fiscale”.

Per compensare nuove iniezioni finanziarie alle banche, saranno imposte misure di austerità ancora più brutali alla Grecia e ad altri paesi europei fortemente indebitati che sono già immersi nel crollo e nel degrado sociale e tagli sociali saranno estesi al resto dell’Europa e agli Stati Uniti.

03 ottobre 2011

LEZIONI DALL'ARGENTINA PER LA GRECIA

Ci sono già innumerevoli confronti della storia argentina con il crollo della Grecia. Gli analisti cercano di capire se le misure adottate dal primo paese allevieranno o aggraveranno la situazione del secondo. Questa valutazione si estende generalmente ad altre nazioni della periferia europea come il Portogallo e l'Irlanda. I movimenti sociali hanno un'altra preoccupazione: quali insegnamenti offre l'esperienza del Sud America alla battaglia contro l'adeguamento?
Salvataggi simili 

La Grecia affronta lo stesso dramma che l'Argentina ha sofferto a metà del 2001. Il governo dell'Alleanza preservava le politiche neoliberiste di Menem e l'esplosivo indebitamento dello stato ha spinto il paese verso il default. Negli anni '90 il debito è passato da 84.000 a 147.000 milioni di dollari e il pagamento degli interessi ha soffocato le finanze pubbliche. Queste spese hanno triplicato la spesa corrente, superiore a sei volte le spese di assistenza sociale e sono state 23 volte superiori alle risorse destinate ai piani di lavoro. 

Periodicamente venivano improvvisati rifinanziamenti per evitare il default. Le scadenze erano riciclate con prestiti a tasso usurario ("blindajes") e con disperati scambi di titoli per posporre i pagamenti ("mega-canje"). I creditori davano per scontata l'insostenibilità di queste operazioni e il tasso di "rischio-paese", che misura la vulnerabilità del debitore, rimaneva a livelli esorbitanti |1|.

Sciopero della fame nelle carceri israeliane

Da due giorni i prigionieri palestinesi nelle prigioni israeliane stanno portando avanti uno sciopero della fame per chiedere il miglioramento delle loro condizioni. Di fronte alla croce rossa di Gaza è stato allestito un presidio in loro solidarietà. Ai prigionieri è proibito comunicare con chi si trova fuori dal carcere, vengono torturati, tenuti in isolamento o in prigioni sovraffollate, non vengono loro formite le cure adeguate in caso di malattia, e in diversi casi vengono uccisi.
Silvia Todeschini da Gaza

«Sono stato in prigione dal 15 Ottobre 2003 al 31 dicembre del 2005» racconta Mohammed Abu Uda, uno dei tantissimi esempi di prigionieri di Gaza. Lo hanno arrestato perchè qualcuno aveva fatto il suo nome, sostenendo che faceva parte della resistenza. Racconta che secondo la legge Tamir le dichiarazioni di chiunque che faccia il nome di qualcuno equivalgono alla confessione di chi viene nominato: qualcuno sotto tortura aveva fatto il nome di Mohammed e lui viene portato nella prigione di Askelon, dove viene sottoposto a 68 giorni di investigazione. «mi hanno tenuto 30 giorni in isolamento, uscivo solo per l'interrogatorio. Questi interrogatori duravano dalle 8 alle 24 ore, periodi nei quali non potevo mangiare ne' bere ne' dormire. Una volta mi hanno interrogato per 64 ore di seguito...».

02 ottobre 2011

IL GRANDE INGANNO: L'ORO E LA GUERRA

Prima del 1914 un’oncia d’oro valeva 20 dollari in United States Note. Con una banconota da 20 dollari si comprava, al netto delle spese di cambio, una moneta d’oro del peso di gr. 31 circa. Oggi occorrono 50 banconote da 20 dollari (Federal Reserve Notes) per comprare la stessa moneta d’oro, ammesso che sia disponibile.
di Gian Paolo Pucciarelli

Il che sembra ovvio o, meglio, “fisiologico”. Tutto si spiegherebbe con la perdita, nel corso del tempo, del potere d’acquisto della moneta, ignorando il fatto che chiunque ne faccia uso deve simultaneamente farsi carico di un debito e assumere l’onere perpetuo di pagarne gli interessi.
Il che, beninteso, non è evidente, ma grazie alle alchimie politiche e alla scienza attuariale è economicamente corretto, anche se eticamente truffaldino.
La moneta a corso legale, infatti, non è soltanto un mezzo di pagamento, ma può diventare, con estrema facilità, lo strumento di speculazione del capitale privato.

Chi non ci crede, potrebbe dare un’occhiata al capitale di Bankitalia o della BCE in regime Euro (nell’anno Domini 2011). Ma dovrebbe anche chiedersi perché a Londra esiste il LBMA (London Bullion Market Association), inaccessibile luogo in cui viene quotidianamente fissato il prezzo dell’oro sul mercato mondiale.
Che la cosa avvenga dal 1919 (l’anno dei diffusi sospetti) è poco convincente, anche se rivestita di ufficialità. La pratica infatti risale al 1815, ma il vero precedente è del 1773. Allora l’idea di Mayer Amschel Bauer diventa tecnica finanziaria che condizionerà l’economia dell’età contemporanea.

01 ottobre 2011

Sanzioni: Tagliare i globalisti fuori dall'umanità

L'Onu sanziona nazioni sovrane, Noi il Popolo Sanzioniamo l'Elite Globale: è tempo di tagliarli fuori dall'umanità.
Editoriale di Tony Cartalucci
Land Destroyer Report
Il primo passo per distruggere un nemico trincerato è tagliarlo fuori dal resto del mondo. I globalisti della NATO, gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia, il Qatar e altri, hanno illustrato questo principio in Libia su più livelli. Prima hanno tagliato la nazione della Libia dal mondo esterno, imponendo embarghi sulle armi e commerciali al governo libico, bloccando le loro spiagge, e prendendo il controllo del loro spazio aereo. Mentre le  brigate del terrore del Gruppo combattente islamico libico (LIFG) di Bengasi spazzavano tutto il paese sotto la copertura della Nato, seminando stupro, omicidio, e brutalizzazione sul loro cammino, i globalisti hanno iniziato ad organizzare l'accerchiamento e l'isolamento delle singole città libiche, permettendo (e dando sostegno) ai ribelli di tagliare cibo, forniture mediche, gas da cucina, elettricità e, inimmaginabile, persino l'acqua, per sottomettere le popolazioni affamandole letteralmente. Mentre il popolo della Libia ha dimostrato immensa decisione contro questa strategia, è solo per l'incompetenza della NATO e la mancanza di forza d'animo, carattere, o di qualsiasi desiderabile qualità umana tra i ribelli che questo processo di isolamento e assedio del popolo libico non è riuscito.