05 luglio 2010

LA FAMIGLIA ROCKEFELLER, AZIONISTA DI EXXON, FINANZIA GREENPEACE

L'organizzazione ambientalista più famosa del mondo riceve donazioni da grandi magnati del petrolio, automotive e mass media. Il caso più eclatante è quello dei Rockefeller, azionisti e fondatori di compagnie petrolifere come Exxon Mobil. La loro fondazione ha sostenuto Greenpeace con oltre un milione di dollari.
Manuel LLamas.- Greenpeace, l'organizzazione ambientalista più famosa e forse, più potente del mondo, si finanzia attraverso contributi volontari versati annualmente dai suoi donatori. Secondo quanto recita il suo statuto, al fine di "mantenere la loro totale indipendenza, Greenpeace non accetta fondi da aziende, governi o partiti politici. Noi prendiamo questo molto seriamente, e controlliamo e rimborsiamo assegni quando provengono da un account aziendali. Noi dipendiamo dalle donazioni dei nostri sostenitori per svolgere le nostre campagne non violente per proteggere l'ambiente".  


Tuttavia, tale slogan non include le donazioni generose che abitualmente ricevono da grandi fondazioni e organizzazioni non profit che, curiosamente, appartengono a grandi famiglie e magnati legati al petrolio, banche, media e anche automobili.  

Come è possibile? La ONG ambientale per eccellenza finanziata con il denaro generato da alcuni dei settori produttivi più inquinanti del pianeta? Un tuffo profondo nei conti oscuri di questa organizzazione rivela grandi segreti e, soprattutto, molte sorprese.  

Greenpeace ha molte filialii situate in tutto il mondo, ma in tutto il mondo uno dei più potenti ed influenti a livello mondiale è, senza dubbio, il quartier generale situato negli Stati Uniti. Il franchising di Greenpeace ha 4 volti: Greenpeace Foundation Inc. Greenpeace Fund, Inc. e Greenpeace Greenpeace Vision Inc.  

Il progetto Activist Cash, creato dal Center for Consumer Freedom, un'importante associazione di consumatori statunitense, rivela alcune delle fonti di finanziamento più controverse di questo gruppo ambientalista.  

Il progetto nasce con l'idea di fornire informazioni sul profilo e le risorse economiche dei gruppi anti-consumo. E come non potrebbe essere diversamente, tale entità dedica una sezione esclusiva a Greenpeace . Secondo Activist Cash, Greenpeace ha ricevuto significtive donazioni dalle seguenti fondazioni, come evidenziato dal grafico seguente:
Ma cosa sono questi gruppi? Sono le fondazioni appartenenti ad alcune delle famiglie più ricche del mondo, le cui fortune provengono dal business petrolifero, automobilistico e grandi gruppi mediatici statunitensi. Il blog Desdeelexilio ha analizzato questi dati per dimostrare la quantità e la veridicità di tali azioni e il risultato è il seguente.  

Il flusso di denaro tra il franchising di Greenpeace con sede negli USA è costante. La legge statunitense impone una dichiarazione annuale delle imposte a tali organismi, nella quale figurano le entrate e le spese.  

Le informazioni annuali del pagamento dell'imposta si trovano nella cosiddetta IRS Form 990 (Return of Organization Exempt From Income Tax)In questi documenti ufficiali appaiono dettagliatamente, ad esempio alcune di queste donazioni nel corso degli ultimi anni.  

Rockefeller Brother´s Fundation: 1,15 milioni dollari  

Dal 2000 al 2008 la Fondazione della famiglia Rockefeller ha finanziato Greenpeace con 1,15 milioni. La fortuna dei Rockefeller pro viene dal business del petrolio.


John D. Rockefeller fondò la compagnia petrolifera Standard Oil, che venne a monopolizzare il business del petrolio agli inizi del XX secolo. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti accusò la compagnia di monopolio e decretò la sua divisione in 34 società, ma i Rockefeller mantenennero la loro presenza in esse.  

La più famosa è ora, Exxon Mobil Corporation, una delle più grandi compagnie petrolifere del mondo. I discendenti di John D. Rockefeller sono azionisti di Exxon Mobil. Anche se di minoranza hanno ancora notevole influenza e peso nella società. I Rockefeller hanno anche una presenza in grandi banche come JP Morgan Chase & Co (Chase Manhattan Bank) o City Bank, che a sua volta detiene azioni in grandi compagnie petrolifere internazionali. 

Marisla Foundation: 460.000 dollari 

Questa fondazione è anche conosciuta sotto il nome di Homeland Foundation. E 'stata fondata nel 1986 dalla potente famiglia Getty. J. Paul Getty fondo la petrolifera Getty Oil, ora nelle mani della russa Lukoil.  

Turner Foundation: 450.000 dollari 

Turner Foundation è stata creata da Robert Edward Turner nel 1990. Ted Turner è uno dei grandi magnati della comunicazione negli Stati Uniti, noto proprietario di canali televisivi come CNN, TNT e AOL Time Warner, tra gli altri. Il suo contributo alla Greenpeace, è di 450.000 dollari in soli tre anni. 
 


Charles Stewart Mott Foundation: 199.000 dollari  

Charles Stewart Mott era il padre del terzo gruppo industriale di produzione automobilistica a livello mondiale: la General MotorsPrima di presentare istanza di fallimento, nel giugno 2009 - questo gruppo fabbricava i suoi veicoli con marchi come paradigmatici e a basso inquinamento come Buick, Cadillac, Chevrolet, GMC, GM Daewoo, Holden, Opel, Vauxhall o il famoso Hummer.  

In breve, non è sorprendente che una delle organizzazioni ambientaliste più attive contro le emissioni di CO2 in atmosfera, accetti succulenti somme di denaro da alcuni dei principali attori del petrolio e del settore automotive in tutto il mondo. Soprattutto se si tiene conto del fatto che Greenpeace sbandiera grandi campagne accusando gli scettici del cambiamento climatico per ricevere denaro dal settore petrolifero e grandi imprese industriali.



Fonte: http://www.alternativaciudadana.es/


Segnalato da VANESA

6 commenti:

  1. Greenpeace non accetta soldi da governi o aziende. Le nostre campagne sono finanziate da singoli cittadini e, in alcuni casi limitati, da fondazioni che condividono con Greenpeace degli obiettivi. È quindi accaduto che, negli Usa, Greenpeace sia stata finanziata da due fondazioni (non bancarie) che fanno riferimento a eredi della famiglia Rockefeller: in particolare da John D Rockefeller e Olympia Snowe, nipoti del fondatore della Standard Oil (successivamente chiamata Exxon, Esso in Italia).

    John D Rockefeller e Olympia Snowe hanno posizioni differenti rispetto a quella della compagnia fondata dal nonno. In particolare, non condividono la campagna contro la scienza del clima finanziata da ExxonMobil e hanno fatto pressione – anche attraverso una lettera – affinché Exxon cessasse di finanziare i gruppi che negano i cambiamenti climatici, e le responsabilità umane nel causarli. Come azionisti, inoltre, i due titolari delle fondazioni hanno chiesto all'azienda di investire nelle energie rinnovabili, la principale soluzione alternativa ai combustibili fossili.

    Se i soldi del petrolio avessero influenzato Greenpeace, allora sarebbe stato impossibile diffondere rapporti, comunicati e inchieste su come i soldi della Esso finanzino la campagna negazionista sui cambiamenti climatici e compromettano l’azione internazionale per fermare il riscaldamento globale. Al contrario, la Exxon è da tempo al centro delle nostre denunce e delle nostre campagne – anche e soprattutto negli Usa – per le sue attività contro il clima.

    Se volete approfondire la nostra campagna contro la Exxon/Esso, ecco il link:
    http://www.greenpeace.org/usa/campaigns/global-warming-and-energy/exxon-secrets

    (Greenpeace Italia)

    RispondiElimina
  2. @Greeenpeace Italia

    Si fa sempre un pò fatica a credere che i rockefeller siano diventati dei "santi". E' comunque una contraddizione che si guadagni sul petrolio e s'investa si energie alternative...
    I Rockefeller hanno venduto tutte le loro azioni della Exxon? Non ci risulta...

    Inoltre:
    “Il 20 novembre 2002 la Exxon ha annunciato che avrebbe concesso un finanziamento di 100 milioni di dollari ad un progetto innovativo della Stanford University dedicato alla ricerca di nuove opzioni di sistemi tecnologici commercialmente vantaggiosi per la distribuzione e l’uso dell’energia capaci di ridurre in modo sostanziale le emissioni di gas serra. “Altri sponsor sul Progetto Clima Globale d Energia includevano la General Electric e la Schlumberger… Il progetto non ha come scopo di esplorare ulteriormente la scienza del clima, piuttosto pone l’accento sullo sviluppo di nuova tecnologia energetica e sul sequestro dell’anidride carbonica”
    http://www.ecplanet.com/node/216

    Per chi volesse approfondire:
    http://homepage.mac.com/celliest/buroggu/Mondo/E-723866824/index.html
    Inoltre

    RispondiElimina
  3. Dopo il colonialismo arrivò l’ambientalismo, lo sviluppo sostenibile, i programmi per la riduzione della popolazione e la salvaguardia degli animali selvaggi. L'arretratezza del continente africano è frutto di queste politiche imposte con ricatti finanziari, militari e corruzione.

    Il WWF in Africa http://fusione.altervista.org/WWF.htm

    RispondiElimina
  4. PICCOLA PRECISAZIONE: IL PRESIDENTE DI GREENPEACE, E UN TALE, CHE DI COGNOME, FA MAYER DE ROTSHIELD. MI SEMBRA SEMPRE MOLTO MOLTO STRANO... GUARDA CASO.

    RispondiElimina
  5. @vincent:
    Questa mi mancava. Bello buttare un nome "cattivo" in un ambiente ad alto contenuto complottistico pronto ad indignarsi dalle proprie poltrone senza degnarsi di verificare la veridicità delle proprie affermazioni. Io sono andato a dare un'occhiata al sito di Greenpeace International e ho scoperto che le funzioni di Governance, vale a dire redigere ed approvare i bilanci ed i report annuali, nominare e supervisionare il direttore esecutivo (attualmente Kumi Naidoo), dirigere i lavori dell'assemblea annuale etc. sono svolti (SORPRESA!) non da un presidente bensì da un board of directors, di cui qui (http://www.greenpeace.org/international/en/about/how-is-greenpeace-structured/governance-structure/board/) potete trovare nomi, foto e bio.
    Per completezza ho anche provato a cercare "Mayer de RotHsCHIld (mai un complottista che lo scriva bene) Greenpeace" su Google, ed il risultato più vicino che ho trovato è questo (http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/11/19/i-baroni-rothschild-tra-carbone-e-eco-chic/77773/) dove si dice che il più giovane, David Mayer De Rothschild ha fondato una società ecologista di nome Adventure Ecology. Collegamenti con Greenpeace, a parte alcune tematiche comuni non me vedo.
    Se poi sei in possesso di altri dati scrivi pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Matt,
      se "google" dice che non c'è nessun collegamento...allora possiamo dormire sonni tranquilli!

      Elimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)